Sabato, 02 Marzo 2024

Italtel. Cessione del ramo Ubb ancora in sospeso

Il 29 giugno presso l’Assolombarda, si è svolto un incontro che ha visto la partecipazione delle Segreterie nazionali di Fim, Fiom, Uilm nazionali e territoriali, delle RSU di Italtel, della Direzione di Italtel con la presenza dei Dirigenti Saracino e Allegra e di Maticmind con l’Amministratore delegato Zamuner, la responsabile HR Rolandi e il Direttore della controllata Fibermind, Targa, quest’ultimi in quanto potenziali acquirenti della Newco che Italtel ha deciso di costituire con il conferimento della Business Unit UBB, come da procedura inviata il 13 giugno 2023.

L’incontro è servito a conoscere meglio Maticmind che dalla fine del 2022 è di proprietà di un fondo di private equity, con partecipazioni minoritarie di Cassa Depositi e Prestiti e della precedente proprietà, ad ascoltare dal probabile acquirente le motivazioni industriali del prospettato acquisto e a porre delle domande sul futuro di coloro che saranno coinvolti da tale operazione.

Il dottor Zamuner ha spiegato che l’interesse di Maticmind, attraverso Fibermind, da questa interamente controllata, è quello di acquisire un Gruppo organizzato di lavoratori e lavoratrici che operano nel campo della “fibra” poiché Fibermind ha acquisito importanti lotti di attività in questo campo sia da OpenFiber che da Fibercop. Inoltre, rileveranno da Italtel anche le rimanenti attività sulla “fibra” e anche per questo almeno fino a tutto il 2024 la Newco avrà vita autonoma e solo dopo questo periodo fonderà in Fibermind.

Italtel ha ribadito che costituirà appena possibile una Newco.

In sostanza, ci è stato spiegato prima viene costituita la Newco, e una volta raggiunto l’accordo tra Italtel e Maticmind, nella stessa Newco avverrà il conferimento del personale, delle attività e delle passività della BU UBB, e subito dopo verrà ceduto il capitale della Newco a Fibermind che nominerà un Amministratore delegato e i riferimenti della nuova proprietà, per esempio per le questioni HR, si discuterà con la dottoressa Rolandi.

Nella riunione la delegazione ha chiesto anche approfondimenti sul CCNL applicato (Maticmind applica il CCNL metalmeccanico, ma Fibermind quello delle TLC), sulla collocazione dei dipendenti che saranno inseriti nelle sedi di Maticmind a Milano, Palermo e Roma e sull’utilizzo dello Smart Working in Fibermind: il dottor Zamuner che spiegato che anche in Maticmind esiste un accordo su tale strumento, ha però aggiunto che se l’operazione andrà in porto, nella fase di inserimento e di integrazione, almeno sugli aspetti operativi, ci sarà la necessità di un maggior presenza in sede.

Se da un lato l’incontro è stato utile a comprendere meglio quali siano le ragioni e le modalità che stanno alla base dell’apertura della procedura di cessione di ramo di Italtel e a comprendere meglio tutte le fasi relative alle operazioni tra le due società, registriamo che rispetto alla richiesta del sindacato di avere tutte le garanzie, a partire da quelle occupazionali, nei confronti della platea della forza lavoro coinvolta ma al momento vengono meno le condizioni  poiché la fase di trattativa tra Italtel e Fibermind, se pur ben avviata, non è ancora conclusa.

Fim, Fiom, Uilm nazionali

Roma, 30 giugno 2023

 

Attachments:
FileFile size
Download this file (ITALTEL comunit 30.06.2023.pdf)Italtel. Cessione del ramo Ubb ancora in sospeso79 kB
Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search