Lunedì, 24 Giugno 2024

ST Microelectronics. Positivo piano d’investimenti. Ora contratto integrativo di gruppo

Nella giornata del 24 di ottobre, nella sede di Assolombarda di Monza, si è tenuto l’incontro di informativa sui risultati e prospettive di ST Microelectronics.

Nella relazione dell' amministratore delegato Italia, Ing. Bellezza, sono stati illustrati i piani a medio termine della società.

3,6 mld di dollari di investimenti complessivi per lo sviluppo degli asset principali dell’Azienda, tre volte rispetto alla media degli ultimi anni.

730 milioni verranno impiegati per la crescita dello sito di Catania, di cui 280 di provenienza governativa dentro il piano del PNNR, con una prospettiva di 700 nuove assunzioni nell'ambito della crescita del segmento del Carburo di Silicio (SiC) per ampliarne la capacità produttiva con la costruzione di un nuovo stabilimento e lo sviluppo di nuova tecnologia e nuovi prodotti.

L’Azienda conferma che, nel nuovo stabilimento (in produzione già dal 2023), oltre la produzione di substrati di Carburo di Silicio (SiC) si realizzerà la clean room per la produzione di dispositivi di potenza su tecnologia SiC. (alla fine del 2024 se i piani saranno confermati l’investimento complessivo su Catania sarà di circa 2 miliardi di euro).

Relativamente allo sviluppo di tecnologie su nuovi materiali, l’Azienda conferma che anche sul Nitruro di Gallio (GaN) continueranno gli investimenti sia su Catania che su Agrate.

Anche sullo stabilimento di Agrate è prevista una crescita delle linee produttive sia in AG200 (con circa 70 milioni di euro di investimento nel 2022) che in R3 (dove l’intero investimento arriverà a cica 3 miliardi di euro).

In termini di ricerca e sviluppo anche i siti più piccoli vedranno importati investimenti.

In generale però l’Azienda segnala difficoltà nella ricerca dei profili tecnici necessari alle espansioni previsti in tutti i sui siti.

Il fatturato salirà del 16% nel 2022(fatturato previsto circa 16 miliardi), con un dato significativo nel mercato dell'auto che rappresenta il 70% del volume di affari della società. L’obiettivo dichiarato è di raggiungere i 20 miliardi di fatturato già nel 2025

La multinazionale franco/ italiana conta più di 11mila dipendenti, con una crescita di circa 2mila unità dal 2012 ad oggi.

Non da ultimo viene segnalata una forte volontà di sviluppare maggiormente un programma di che migliori la sostenibilità in ambito ambientale per proseguire nell'obiettivo di impatto zero previsto nel 2027.

Preso atto delle informazioni ricevute e sottolineato l'importanza del programma d’investimenti, abbiamo, nelle nostre considerazioni, posto il tema delle assunzioni a Catania con la richiesta di costruire un percorso che, in relazione con le risorse del territorio (scuole e università) consolidi l’obiettivo della buona occupazione anche stabilizzando i lavoratori stagionali (summer job).

Infine è per noi ancora più evidente che siamo in presenza di una società che ha, dal punto di vista delle prospettive, un orizzonte denso di opportunità alle quali bisogna affiancare significativi investimenti anche sul piano contrattuale.

Per queste ragioni, nelle giornate del 2 e 3 novembre p.v. saremo impegnati nella prosecuzione del confronto per la definizione della piattaforma per il contratto di secondo livello di gruppo che avrà come centrali i temi della stabilizzazione di quote di salario, della manutenzione degli obiettivi per l’ erogazione del Pdr, l’estensione dei diritti e la buona occupazione.

Fiom-Cgil nazionale

Roma, 25 ottobre 2022

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy