Martedì, 03 Agosto 2021

Ori Martin. Raggiunta l'ipotesi di accordo

logo-fiom-115-300

Giunta a conclusione la trattativa per il rinnovo del Contratto Integrativo alla ORI MARTIN S.p.A. (azienda siderurgica di Brescia) dopo che l’85% dei lavoratori votanti (287 dei 396 gli aventi diritto) ha condiviso l’ipotesi di accordo raggiunta il 07/07/2016 e firmata, oltre che dall’azienda, dall’insieme delle RSU e dalla sola FIOM-CGIL di Brescia.

Provvedimenti sulla parte normativa quali servizio mensa, aggiornamento del mansionario aziendale, fermate collettive, impianti audiovisivi, ambiente di lavoro.

Le integrazioni economiche sono così distribuite: incremento di 40 € mensili per 14 mensilità del “premio Ori Martin”, 2,8% di maggiorazione legata alla professionalità (€ 600 annui), € 500 fissi sul Premio Annuale, PDR con obiettivi raggiungibili di cui 290 € annui legati al tonnellaggio di produzione ed € 200 annui sui parametri di qualità. Una una tantum di € 700 a copertura dei primi 6 mesi del 2016.

L’azienda si è inoltre impegnata a riconoscere, in futuro, delle borse di studio per i famigliari dei dipendenti.

Inoltre, il 64% dei 185 lavoratori turnisti votanti (220 aventi diritto) ha condiviso l’aumento di quattro turni annui di produzione (acciaieria, trattamenti termici, laminatoio, rullatrici) ed articolati in modo differente in base alle necessità aziendali ed alle specificità dei singoli reparti. Si prevedono integrazioni economiche, in aggiunta a quanto oggi già in essere, che variano da € 6 ad € 10 su ogni ora lavorata.

Anche questa volta viene condivisa, da parte delle maestranze, la linea contrattuale della FIOM di Brescia: un’intesa che ha portato soldi certi nelle buste paga dei lavoratori ed ha trovato risposte sulle necessità produttive aziendali.

 

Fiom Brescia

 

Brescia, 07/07/2016

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search