Sabato, 26 Settembre 2020

Fincantieri. Papignani: «Distanze enormi tra le posizioni. Ora assemblee per decidere con i lavoratori come proseguire il confronto»

LOGOFIOM-180X120

Dichiarazione di Bruno Papignani, coordinatore nazionale Fiom-Cgil per Fincantieri.

Al termine dell'incontro tenuto ieri tra Fim, Fiom, Uilm e Fincantieri riguardo le politiche industriali e i programmi produttivi, la Fiom non può che costatare le enormi distanze che esistono fra le posizioni dell'azienda e le richieste della nostra piattaforma.

Distanze che si erano già registrate nei precedenti incontri sui temi degli orari, della sicurezza e degli appalti, oggi aggravati a causa dell'intenzione dell'azienda di dare corso ad una graduale esternalizzazione delle attività di scafo, della non chiarezza circa il futuro societario dell'Isotta Fraschini e della conferma che la meccanica di Riva Trigoso potrebbe diventare una controllata.

Pur annunciando il rientro di alcune attività prevalentemente di progettazione non vi è, allo stato, sufficiente chiarezza circa la distribuzione dei carichi di lavoro nei singoli cantieri relativi alle future commesse.

Nei prossimi incontri, previsti per il 12 e il 16 marzo prossimi, verranno affrontati i temi della formazione e dei salari, oltre ad approfondire alcuni dei temi già trattati. Auspichiamo che in quelle sedi l'azienda rinunci alle proprie pretese e decida finalmente di confrontarsi sulle nostre richieste.

La Fiom ritiene a questo punto necessario che entro la giornata di venerdì 13 marzo si svolgano assemblee in tutti i cantieri e le sedi, per informare i lavoratori e decidere con loro quali comportamenti assumere circa l'andamento del confronto.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 10 marzo 2015

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy