Venerdì, 21 Giugno 2024

Aumenta lo sfruttamento. Aumentano i rischi per la nostra salute

LOGOFIOM-180X120

E’ ormai noto a tutti che le condizioni di lavoro in fabbrica sono diventate insopportabili!

I continui cambiamenti di quanto è programmato in termini di produzione (impostato), associati a spazi spesso ristretti che costringono i lavoratori ad operare uno addosso a l’altro, comportano un accentuato disagio che si incrementa per l’ormai vizio antico dei capi di aumentare la velocità della linea. Tutto ciò rende insopportabile la condizione lavorativa e, come se non bastasse, si sta implementando velocemente l’organizzazione secondo il modello WCM e la metodologia Ergo UAS.

Con la proposta di questa nuova organizzazione e di questa metrica l’azienda ha sempre dichiarato che, a fronte dell’azzeramento di tutti i tempi morti durante le 8 ore di lavoro e dunque di un innalzamento della produttività, agli operai veniva riconosciuto una maggiore facilità nello svolgimento del proprio lavoro attraverso una organizzazione del medesimo più attenta all’ergonomia delle postazioni. In altre parole, quelle postazioni che di più si sarebbero potute migliorare dal punto di vista delle posture sarebbero diventate più sature, invece quelle scomode e a maggior rischio per gli arti superiori e per la colonna vertebrale avrebbero dovuto avere un indice di fattore riposo maggiore perché più difficili.

Oggi la situazione in fabbrica non è proprio così, anzi è davvero allarmante per la condizione di salute dei lavoratori.

I delegati della Fiom, che ricevono innumerevoli segnalazioni sull’impossibilità a sostenere questi ritmi, pur con la poca disponibilità di permessi sindacali di cui hanno diritto, stanno girando in tutte le UTE per verificare dettagliatamente qual è la reale condizione che i lavoratori devono sostenere.

In questi ultimi giorni hanno visionato da vicino alcune postazioni. Ed hanno riscontrato, a titolo di esempio: alla Trim 1, fissaggio id-bag, ci sono 4 postazioni in cui i lavoratori entrano in ogni vettura sedendosi su cuscini di fortuna aggiustati da loro stessi, a fronte degli Sky-walker (sediolini) previsti nel rispetto delle normative in materia di tutele della salute, che non sono mai stati utilizzati e recentemente addirittura smontati.

Oppure, sempre alla trim 1, alla postazione stesura cavo id-bag destra e sinistra, o alla trim 2, alla postazione soffietto cavo posteriore, così come alla postazione tubi abs in vano motore o, ancora, in sigillatura alla postazione cofano e portellone, le operazioni vengono svolte con posture incongrue, con la schiena inarcata e il gomito sopra la spalla per un tempo lunghissimo.

Tantissimi lamentano dolori articolari, infiammazioni alle spalle e alle braccia, facendo continuo uso di farmaci antidolorifici che, naturalmente, non rappresentano la risposta giusta alla situazione che si vive alla FCA di Melfi.

C’è la necessità di riaprire il confronto con la direzione aziendale sull’organizzazione del lavoro e sulla valutazione dei rischi presenti nelle singole postazioni. Per questi motivi i delegati della Fiom inoltreranno una richiesta di incontro al Direttore dello stabilimento, unitamente all’RSPP e al coordinatore dei medici competenti, per individuare soluzioni concrete ai tanti problemi che si stanno rivelando e chiederanno la consegna dei DVR (Documento di Valutazione dei Rischi) per ogni singola postazione, al fine di verificare la correttezza delle analisi svolte dagli ergonomi.

 

La Fiom-Cgil della Basilicata

 

Potenza, 5 aprile 2016

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search