Lunedì, 24 Giugno 2024

Wartsila. Msc conferma progetto industriale alle Rsu aziendali, il confronto prosegue il prossimo 9 maggio

Oggi a Roma si è svolto il primo incontro tra una delegazione di MSC, le RSU aziendali e i rappresentanti territoriali e nazionali di Fim, Fiom e Uilm.

Durante l’incontro Msc ha presentato il piano industriale relativo alla riconversione produttiva del sito triestino, i tempi del suo realizzo, con un investimento complessivo di 104 milioni.

Lo sviluppo del progetto è previsto in fasi successive: ripristino aree interne e nuovo layout della fabbrica, ridefinizione delle aree, spostamento e efficientamento impianti, ottenimento delle certificazioni (primi vagoni prototipi con installazione manuale), installazione nuovi impianti e settaggio, avvio dell'attività produttiva.

A detta di Msc a regime saranno prodotti annualmente 1.000 carri ferroviari e 3.000 carrelli (2mila per la produzione locale e mille per esportazioni), con 300 lavoratori occupati di cui 180 sulle linee di produzioni su due turni di lavoro.

I 300 dipendenti passeranno da Wartsila a MSC con la procedura di legge della cessione di ramo d’azienda.

Secondo il piano la piena occupazione lavorativa è prevista nel luglio del 2027, con i primi 15 inserimenti nel luglio 2024, i successivi 45 nel gennaio 2026, ulteriori 120 nel settembre 2026.

In questo periodo tutti i dipendenti saranno coinvolti in piani di formazione sostenuti anche con risorse pubbliche regionali.

In futuro Msc prevede inoltre di sviluppare un’attività di manutenzione dei carri e di logistica, che impiegherebbe ulteriori 100 lavoratori.

Si tratta sicuramente di un progetto ambizioso, che se implementato, riconferma la vocazione industriale del sito triestino garantendo l'occupazione ed evitando i licenziamenti contro cui lavoratori e sindacati si battono ormai da quasi 2 anni.

Restano ancora aspetti che dovranno essere chiariti e risolti nelle prossime settimane se si vuole rispettare la data del 30 giugno, data entro la quale il Mimit intende definire l’accordo di programma.

Innanzitutto l’accordo commerciale tra Wärtsilä e MCS, le risposte alle richieste di sostegno finanziario e infrastrutturale avanzate da MSC a governo e istituzioni locali, la definizioni dell’accordo sindacale.

Il confronto proseguirà tra sindacato e MSC il 9 maggio prossimo presso la sede di Confindustria Trieste.

Uffici stampa di Fim, Fiom e Uilm nazionali

Roma, 24 aprile 2024

Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search