Lunedì, 15 Aprile 2024

Industria italiana autobus. La reindustrializzazione è al limite del fallimento, intervenga il Presidente del Consiglio

LOGOFFU 180X120

 

Si è tenuto oggi presso il Ministero dello Sviluppo Economico l’incontro tra la direzione aziendale di Industria Italiana Autobus, le delegazioni dei lavoratori degli stabilimenti di Flumeri e Bologna e le Organizzazioni Sindacali territoriali e nazionali con la viceministra Bellanova. Anche questa volta abbiamo registrato l’incomprensibile assenza di Invitalia.

L’incontro ha sancito, dopo le negative premesse dello scorso confronto, il concreto rischio, del fallimento per il processo di rioccupazione degli ex stabilimenti Breda e Irisbus.

La direzione aziendale ha dichiarato che: visto l’andamento negativo delle gare bandite grazie ad un importante investimento pubblico, non sarebbero garantiti i volumi che consentirebbero il rispetto degli accordi raggiunti, che sono già in ritardo di quasi un anno nella loro realizzazione. Il rischio è che i soldi pubblici servano a produrre autobus in altri Paesi perché senza clausole nelle gare che possano premiare il lavoro in Italia e la qualità del prodotto è a rischio il rilancio occupazionale di Industria italiana autobus.

Non c’è più tempo: a Bologna e a Flumeri si terranno lunedì assemblee unitarie dove saranno decise le iniziative per aprire un confronto alla Presidenza del Consiglio che garantisca il rispetto degli accordi siglati con il Governo e l’azienda e il rilancio occupazionale e produttivo della produzione e della filiera degli autobus in Italia.

 

Uffici Stampa Fim, Fiom, Uilm

 

Roma, 25 maggio 2017

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy