Martedì, 17 Settembre 2019

Roma, 9 novembre 1990: «rompere il muro»

Nel 1990 la preparazione della piattaforma rivendicativa fu dura e travagliata, segnata da divisioni e rivendicazioni tra le organizzazioni sindacali. Quando fu varata, la Federmeccanica manifestò intenzioni dilatorie mentre si annunciavano i primi segnali di un cambiamento negativo della congiuntura economica. Gli scioperi iniziarono a maggio, seguirono con le due manifestazioni di Napoli e Milano e culminarono con la manifestazione nazionale dei metalmeccanici a Roma il 9 novembre 1990, presenti in 250.000. L'accordo fu firmato finalmente il 14 dicembre 1990. I principali contenuti dell'accordo riguardavano 16 ore annue di ulteriore riduzione d'orario, il rafforzamento dei diritti di informazione, l'istituzione di commissioni per le pari opportunità a livello nazionale e territoriale, aumenti retributivi.  

 
L'accordo lasciò amareggiati i lavoratori che giudicarono insufficienti i risultati raggiunti rispetto alle richieste formulate: solo l'aumento salariale era in parte corrispondente alle richieste. I risultati erano scarsi a cominciare dall'orario, nella parte normativa, inoltre, si evidenziava un arretramento.
«Il segretario generale della Cgil Bruno Trentin definiva il rinnovo contrattuale dei metalmeccanici "un errore politico di prima grandezza commesso da tutto il sindacato" e rilevava come la piattaforma fosse sbagliata perché di fatto impostata su una "mera sommatoria" e che "la condotta della vertenza era stata tutt'altro che esente da errori". La chiusura contrattuale apriva perciò nella Fiom una delle crisi più difficili e complicate del dopoguerra. La crisi non era però solo della Fiom: era di tutta la Cgil nel suo complesso, anche se nella Fiom particolarmente acuta.» (Fiom. Cento anni di un sindacato industriale, pag. 273)

Si crearono all'interno della Cgil e della Fiom delle nette divisioni che presero forma nell'ottobre del '91, al XII Congresso della Cgil e, ancor più, al XX Congresso della Fiom. «Cento anni di storia dei metallurgici e quasi cento anni di storia della Fiom stanno a confermare come la dialettica delle posizioni che nascono e si misurano nel sindacato, costituisca fin dalle origini la linfa vitale dell'organizzazione, malgrado le lacerazioni dolorose e talvolta drammatiche. Con la stessa dialettica avanza anche il progresso sociale, in una dinamica mai lineare o priva di strappi, e della quale non è sempre facile cogliere nell'immediato, con la necessaria chiarezza, le motivazioni di fondo.» (Fiom. Cento anni di un sindacato industriale, pag. 277)

«Grazie a "Samarcanda" [trasmissione di attualità politica e sociale, in onda in prima serata e condotta da Michele Santoro] la sera del 25 ottobre i telespettatori hanno potuto rendersi conto di quali sentimenti siano oggi prevalenti fra i metalmeccanici italiani. Amarezza e rabbia, appena dissimulate dietro una grande civiltà di modi.

Con un contratto scaduto da dieci mesi i metalmeccanici sanno di avere ragione. (…)
… l'Italia, quasi in silenzio, giorno dopo giorno, è diventata un paese ricco e moderno. (…)
Ma eccoli i metalmeccanici di questa Italia opulenta: eccoli i lavoratori del capitalismo reale. Dalle loro mani, meglio dalle macchine che loro manovrano, controllano, dirigono sono usciti frigoriferi e forchette, auto e aerei, tubi e catenine, televisori e telefoni, robot e macchine a controllo numerico, macchine da scrivere e personal computer. Ma di tutto questo lavoro, a loro cosa resta in mano? Pochi spiccioli e una vita ancora troppo dura. (…)


I telespettatori hanno visto e udito.

I giovani dell'Alfa Sud si fanno intervistare dalla Rai solo con immagine oscurata e voce contraffatta, proprio come l'industriale campano ricattato dalla camorra. Quest'ultimo ha paura di una rappresaglia banditesca, loro di essere licenziati allo scadere dei 18 mesi previsti dal contratto. Ora, quando uno ha paura a dire in pubblico quello che pensa, non ci troviamo di fronte a un diritto negato?
(…) Il mancato rinnovo del contratto dei metalmeccanici è ormai uno scandalo politico di prima grandezza.» (tratto da un articolo di Fernando Liuzzi, in «Meta», anno VI, nn. 9-10, settembre-ottobre 1990)

 

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search