Domenica, 14 Aprile 2024

Fiom Padova - Acciaierie Venete: Quattro lavoratori feriti durante la lavorazione dell'acciaio

Nel pomeriggio di venerdì 27 ottobre alle 13 nel reparto delle lavorazioni a caldo è avvenuta un’esplosione durante la lavorazione dell’acciaio. La postazione occupa una squadra di operai specializzati, che è una delle più a rischio dell’intero impianto, proprio per la particolarità delle operazioni di fusione.

Quattro lavoratori sono stati investiti dallo scoppio che è stato sentito in tutto il circondario.

Subito sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, le ambulanze con il personale medico, la polizia, i carabinieri, i PM Luisa Rossi e Marco Brusegan e i tecnici dello Spisal.

I lavoratori feriti sono stati prontamente assistiti e ricoverati in ospedale a seguito dell’esplosione. Uno è stato dimesso in serata, due sono trattenuti per accertamenti e uno di loro ha riportato diverse ustioni ed è in prognosi riservata.

“Come Sindacati esprimiamo massima vicinanza ai lavoratori coinvolti e alle loro famiglie, possiamo solo immaginare la loro apprensione di queste ore.  Bisogna intervenire per invertire la rotta ed eliminare la possibilità che situazioni a rischio come quella verificatasi oggi possano verificarsi, fra le altre cose il capannone in cui si è verificata l’esplosione odierna è lo stesso coinvolto nella tragedia del 2018. A 5 anni di distanza vogliamo sottolineare che non si è ancora concluso il procedimento penale che coinvolge la dirigenza di Acciaierie Venete per la morte di Marian Bratu e Sergiu Todita e che alla luce di questa nuovo evento crediamo sia necessaria un ulteriore approfondimento delle condizioni di sicurezza del capannone e dei reparti di lavorazione a caldo. Attendiamo l’esito degli accertamenti dello Spisal e delle forze dell’ordine, ma non possiamo non dire che solo la casualità ha fatto sì che non ci fosse un altro morto da piangere come conseguenza di quello che è accaduto oggi. Nelle prossime ore stabiliremo con le RSU eventuali azioni da intraprendere per la sicurezza dell’impianto e, soprattutto, per la salvaguardia dei lavoratori.” Hanno dichiarato in serata Michele Iandiorio, segretario generale della Fiom Cgil di Padova, e Luca Gazzabin, segretario generale della Fim Cisl Padova Rovigo.

 

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search