Giovedì, 27 Gennaio 2022

Franco Tosi (Legnano). Fiom e Uilm chiedono incontro al Ministero.

LOGOFIOM-180X120Sesto San Giovanni, 10 luglio 2014

Franco Tosi, Fiom e Uilm chiedono un incontro urgente al Ministero rispetto alla gestione del commissario straordinario. Mirco Rota: “Necessario approfondire e fare chiarezza sul suo operato per non disperdere patrimonio industriale azienda”

Dopo l'incontro con il commissario straordinario Andrea Lolli, avvenuto il 4 luglio scorso in merito alla delicata vertenza della Franco Tosi Meccanica Spa, Fiom e Uilm scrivono al Ministero per fare chiarezza rispetto alla gestione del commissario, il cui operato non convince, ma preoccupa, in considerazione delle sorti dei lavoratori.

In questi mesi il commissario aveva più volte ribadito in più sedi, la volontà di vendere l'azienda entro l'estate, per poi prorogare improvvisamente il termine della cessione delle attività al 30 settembre, giustificando tale decisione con il fatto di aver acquisito una commessa in partnership con la societa Bruno Presezzi di Burago Molgora. Come Fiom avevamo espresso riserve rispetto a vendita, sostenendo che avrebbe avuto tempi più lunghi, rispetto a procedimento d'affitto”, sottolinea Mirco Rota, segretario generale Fiom Cgil Lombardia.

Improvvisamente, senza alcun motivo plausibile, abbiamo appreso dal sito della Tosi che dal 30 si è passati al 5 settembre, anticipando di 25 giorni il termine che aveva formalizzato nella riunione del 4. Per chiarire i termini della gestione della procedura da parte del commissario, alla luce anche degli atti ministeriali, chiediamo allora un incontro al Ministero per definire anche il ruolo della Bruno Presezzi Spa di Burago Molgora che avrebbe sottoscritto appunto un contratto di fornitura di tre turbine con l'Iran, ribadisce Rota.

Per il segretario dei metalmeccanici lombardi: “la Regione Lombardia, che si è fatta carico di istituire un tavolo regionale speciale sulla Franco Tosi, deve attivarsi affinché non si disperda questo patrimonio aziendale di conoscenze e non vengano dispersi ancora posti di lavoro”, ribadisce Rota.

Domani, nell'assemblea dei lavoratori, rappresenteremo le nostre riserve e faremo valere le nostre ragioni, rispetto ad alcune scelte approssimative che mettono seriamente il futuro dei lavoratori della Franco Tosi”, conclude il segretario delle tute blu.

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search