Martedì, 22 Settembre 2020

Palermo. Fiom: fuori la mafia dal lavoro

“Apprendiamo dalla stampa notizie su infiltrazioni mafiose in aziende dell'indotto dello stabilimento Fincantieri di Palermo. Senza entrare nel merito delle indagini della magistratura, riteniamo gravi i fatti emersi che dimostrano che la mafia continua ad avere interesse a condizionare le attività produttive e il lavoro, fenomeno inaccettabile che va contrastato e che abbiamo sempre denunciato e combattuto.
Ricordiamo che nel lontano 1998 fu siglato il protocollo di legalità in Prefettura a Palermo proprio per evitare le infiltrazioni mafiose, e poi un protocollo nazionale con l'allora Ministro Minniti.
Chiediamo che i protocolli vengano realmente attuati. Continueremo a seguire gli sviluppi della vicenda soprattutto per tutelare quei lavoratori che nulla hanno a che fare con i fatti contestati.” 
 
Lo dichiarano Angela Biondi e Francesco Foti della Fiom-Cgil di Palermo e Roberto D'Andrea, Coordinatore Nazionale Fiom-Cgil Fincantieri


Michela Bevere

Ufficio stampa Fiom-Cgil nazionale

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search