Sabato, 31 Ottobre 2020

Abb organizza flash mob, ma continua a produrre tutto e di più

In Abb il lavoro è no-stop, ma intanto l’azienda propone ai dipendenti delle sedi italiane un flash mob per lunedì 23 marzo. «Abb abbraccia l’Italia!» è il nome scelto per l’iniziativa, per cui la multinazionale svizzero-svedese invita i lavoratori a indossare qualcosa di rosso («il nostro colore»), a mostrare il logo sulle divise e a scattarsi «una bella foto» da inviare alla direzione.

Nessun accenno, invece, ad una riduzione del lavoro in un momento così delicato. Nonostante il protocollo di Cgil, Cisl, Uil e Confindustria e il recente decreto che estende la possibilità di utilizzo degli ammortizzatori sociali per affrontare l'emergenza Covid-19, infatti, Abb continua imperterrita con la sua gestione degli stabilimenti – in particolare quelli situati in Lombardia – in modo assolutamente unilaterale, senza accordi con le organizzazioni sindacali. 

Siamo riusciti a far recedere il gruppo dalla volontà di utilizzare addirittura il lavoro straordinario, ma l’azienda continua con tutte le sue produzioni e non solo quelle strettamente necessarie al sistema ospedaliero o alle attività fondamentali per il paese. Un comportamento che mette in seria difficoltà i lavoratori, costretti di fatto a lavorare in condizioni non ottimali, mettendo a rischio la loro salute.

Dichiarazione di Mirco Rota, responsabile Fiom per Abb

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 20 marzo 2020

Tags: ,

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search