Venerdì, 24 Maggio 2024

Tribunale di Bergamo reintegra lavoratore licenziato. Fiom: “Ancora una volta l’articolo 18 ha impedito un’ingiustizia”

Il Tribunale di Bergamo ha dichiarato l'illegittimità del licenziamento intimato dalla FBM Hudson ad un delegato della Fiom-Cgil, accogliendo il ricorso presentato dal lavoratore con l'assistenza legale dallo studio dell'avv. Giuseppe Cattalini e il patrocinio della Fiom-Cgil di Bergamo. Il Giudice del Lavoro ha ritenuto che non sussisteva alcuna giusta causa a fondamento del licenziamento e, di conseguenza, lo ha annullato, ordinando all'azienda di reintegrare il lavoratore nel posto di lavoro, oltre a risarcirlo con il pagamento di 12 mensilità. Secondo il Giudice la presunta negligenza addebitata al lavoratore non poteva giustificare un provvedimento così grave come quello del licenziamento.

Il delegato era stato licenziato il 4 Aprile 2018, a seguito di un presunto errore durante una fase di saldatura.

“Ancora una volta l'applicazione dell'art. 18 dello Statuto dei lavoratori ha impedito alle aziende di licenziare ingiustamente un lavoratore e ha consentito alla vittima di poter ritornare nel proprio posto di lavoro, restituendogli un senso di giustizia e una dignità morale che nessun indennizzo economico avrebbe potuto assicurargli”, hanno dichiarato Andrea Agazzi, segretario della Fiom-Cgil e Paola Guerini, funzionaria che per la Fiom-Cgil segue l'azienda.

 

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search