Mercoledì, 19 Giugno 2024

Appalti Soresa, Cgil e Fiom Campania: “Preoccupati dal cambio d’appalto, Regione e società ci convochino”. Attivo regionale Rsu il 25 ottobre a Napoli

Napoli, 18 ottobre 2023. La nuova procedura per l’affidamento delle attività di manutenzione nella sanità pubblica campana da parte della Soresa, nelle quali sono impiegati circa 800 lavoratori metalmeccanici nei presidi ospedalieri e nelle Asl della Campania, preoccupano Cgil e Fiom Campania, che negli ultimi mesi hanno più volte chiesto un incontro agli assessorati regionali di competenza e alla direzione della società, per affrontare gli aspetti di contesto generale e di settore, fondamentale e strategico.

“Lavoratori – ricordano il segretario generale Fiom-Cgil Campania, Massimiliano Guglielmi e il segretario Cgil Napoli e Campania, Raffaele Paudice - che in piena fase pandemica ed in emergenza continua, hanno garantito e garantiscono che tutto il sistema manutentivo dei presidi ospedalieri e delle ASL possa pienamente rispondere alle tantissime difficoltà legate alle carenze infrastrutturali e alle ulteriori drammatiche emergenze sanitarie generate dal Covid.  Cgil e Fiom, da sempre attivi e protagonisti in questo settore insieme ai delegati e ai lavoratori grazie alle iniziative messe in piedi hanno raggiunto nel 2017 un’intesa che, nel precedente passaggio di appalto So.Re.Sa., prevedeva la garanzia occupazionale di tutti i lavoratori con il mantenimento dei diritti contrattuali previsti dall'art 18, l’inquadramento e il salario in caso di cambio appalto nelle ASL. L’avvio della nuova procedura di affidamento, già in fase avanzata – ricordano Guglielmi e Paudice – ci preoccupa molto visto che non c’è stata nessuna convocazione per discuterne i vari passaggi”.

“Per queste ragioni – annunciano – mercoledì 25 ottobre, nella sede della Fiom Napoli e Campania si terrà un attivo regionali dei delegati Rsu manutentori delle aziende metalmeccaniche che operano nel sistema sanitario regionale pubblico nel quale ribadiremo che le scelte e le decisioni condivise dall’accordo per la “regolamentazione dei trattamenti” sottoscritto il 20 dicembre 2017 vanno riconfermate. Un lavoro dignitoso, un trattamento dignitoso, una retribuzione dignitosa e quindi un tenore di vita e un'idea di futuro dignitosi: sono questi gli obiettivi che intendiamo raggiungere e per farlo – concludono - individueremo tutte le iniziative opportune e necessarie per farci ascoltare e per non lasciare nessuno da solo”.

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search