Domenica, 19 Maggio 2024

ZOOM. Articoli e commenti

Ttip, ovvero il mercato come sovrano assoluto

stop-ttip

Volevano tenerli segreti e invece il 18 aprile approderanno in milioni di piazze in tutto il mondo: sono i trattati transatlantici tra Commissione Europa e Stati Uniti: il Ttip il Partenariato Transatlantico su Commercio e Investimenti.

Nati per promuovere investimenti e la creazione di posti di lavoro sembrano l'avamposto post democratico con cui le multinazionali hanno finalmente conquistato lo scettro delle sovranità nazionali per difendere i loro interessi economici.

Custoditi in una sala della commissione cui si accede solo orevia perquisizione che renda impossibile qualsiasi appunto personale in fase di consultazione, come denunciato da un parlamentare spagnolo, i trattati sembrano nella loro completezza sconosciuti anche ai governi dell’Unione.

Nessun percorso quindi d'informazione e consultazione per governi e società civili quando

a oggi voci ufficiali parlano di ben 590 incontri che si sarebbero svolti tra la Commissione e le lobby senza che nessun dibattito democratico sia stato ancora avviato.

I testi secretati potrebbero approdare in commissione in un formato voluminoso (solo il Ceta per esempio ha 1500 pagine) non emendabili, quindi con l’opzione del prendere o lasciare, su cui il Parlamento, non senza pressioni, dovrebbe pronunciarsi.

Presentati come un’opportunità per investimenti e creazione di posti di lavoro, dovrebbero contribuire a produrre a regime, quindi nel 2027, un aumento del Pil di circa lo 0,5 %.

In un contesto in cui le barriere tariffarie sono ormai esigue i trattati interverrebbero su quelle cosiddette “non tariffarie”, che altro non sono se non leggi, regolamenti, procedure oggi definite liberamente da ciascun Paese, dallUnione Europea e dal Congresso statunitense.

Il rischio è la completa deregolamentazione con l’ottica di facilitare gli scambi mettendo in discussione norme ambientali, sicurezza dei prodotti alimentare, norme sull’efficienza energetica, sulla mobilità dei lavoratori e sulle norme legate al lavoro, insomma l’autonomia delle autorità locali e nazionali per fare spazio al diktat degli interessi di mercato.

Per garantire tutto ciò due elementi importanti: l’introduzione di una giustizia parallela con la creazione di un arbitrato detto Isds (Investor-State Dispute Settlement) e un Consiglio per la Cooperazione Regolativa, Rcc (Regulatory Cooperation Council).

Il tribunale parallelo, l’Isds, deciderebbe in via definitiva, senza possibilità di appello non applicando quindi un regolamento compatibile con i principi di uno stato di diritto e sarebbe la strada attraverso la quale le multinazionali potrebbero portare in causa i governi nel caso in cui decisioni prese negli interessi dei cittadini influissero negativamente sugli investimenti preventivati in quel paese prima che tali norme andassero in vigore come nel caso della impresa energetica svedese Vattenfall, che attualmente ha in corso un contenzioso con la Repubblica Federale Tedesca per limporto di 3,7 miliardi di euro di risarcimento per il distacco dalla rete elettrica di due vetuste centrali nucleari, in seguito alla decisione del governo di abbandonare il nucleare o come del caso dellEgitto che deve rispondere a una richiesta di danni per aver deciso laumento del salario minimo.

Ma i pericoli per la democrazie non si fermano all’Isds, il consiglio per la Cooperazione Regolativa prevederebbe una forma permanente di consultazione preventiva: è infatti previsto che le multinazionali siano interpellate già nella fase preliminare dellelaborazione di norme e leggi se si presume che possano essere toccati i loro interessi economici.

Il rischio è che i trattati intervengano pesantemente sulla libertà e l’autonomia degli stati, di fatto legittimando pressioni affinché vengano ammesse tecnologie pericolose, abbassati gli standard di sicurezza, avviati pesanti processi di privatizzazione, deregolamentate ancora di più le norme sul lavoro e sulla mobilità dei lavoratori.

Per questo la Fiom ritiene fondamentale e si ritiene impegnata nella mobilitazione promossa dai comitati e la raccolta delle firme per il blocco dei trattati inseriti nella campagna STOP TTIP

 

Firma e fai firmare la petizione online contro TTIP E CETA su https://stop-ttip.org/firma/

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Attachments:
FileFile size
Download this file (15_04_17-ttip-orazzini.pdf)Ttip, ovvero il mercato come sovrano assoluto213 kB

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search