Venerdì, 19 Aprile 2024

Elettrodomestico. Per salvare il settore servono subito interventi seri di politica industriale e non provvedimenti spot

“Usciamo da questo Tavolo soltanto con la promessa di un percorso che dovrebbe culminare con un piano industriale complessivo nel 2030.

Abbiamo fatto notare che se aspettiamo il 2030 per mettere in campo un’azione concreta, corriamo il rischio di ritrovarci con il settore dell’Elettrodomestico italiano in una condizione di malattia terminale non più curabile.

Per salvare il settore non servono provvedimenti spot, ma serve subito una seria politica industriale che garantisca e tuteli stabilimenti e occupazione.

Sul versante crisi industriali abbiamo avuto notizia che il 12 marzo prossimo verrà convocato il tavolo Electrolux, per risolvere la questione degli esuberi dichiarati (che sono 370) e per avere conferma degli investimenti e della futura presenza di Electrolux nel nostro Paese.

Ancora una volta abbiamo chiesto delucidazioni al Ministro su cosa intende dire quando dichiara di aver agito la golden power sulla Whirlpool, visto che a oggi sappiamo soltanto che arriveranno i turchi in Whirlpool ma non in presenza di un accordo che preveda la tutela di stabilimenti e occupazione.”

Lo dichiara oggi Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e responsabile del settore Elettrodomestico, a margine del Tavolo sull’Elettrodomestico che si è tenuto questa mattina al Mimit, alla presenza del Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, del Ministro per i rapporti con il Parlamento Luca Ciriani e delle Organizzazioni sindacali di categoria.

Ufficio stampa Fiom-Cgil nazionale

Roma, 22 febbraio 2024

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search