Giovedì, 02 Febbraio 2023

Jabil: Azienda arrogante, politica inerme e i lavoratori SCIOPERANO!

Nel pomeriggio di ieri si è svolto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, una riunione sulla situazione della Jabil di Caserta che ha aperto una procedura di licenziamento collettivo per 190 lavoratori e lavoratrici che scadrà il 31 gennaio.

La Direzione aziendale ha continuato a ribadire la volontà di attestarsi a un livello occupazionale di 250 dipendenti, e ha riproposto di ricollocare 140 persone nell’arco di 12 mesi verso TME, inoltre intende collocare i restanti esuberi nella società Co.Ge.Pa.

Quest’ultima proposta è stata considerata dalla Delegazione sindacale, addirittura provocatoria, poiché la società in questione ha subito nei mesi passati “interdittive antimafia”: dopo i licenziamenti di Orefice e le forti difficoltà di Softlab, ci propongono un’impresa di dubbia reputazione.

La Delegazione sindacale ha confermato che non intende sottoscrivere un obbligo per i lavoratori di ricollocarsi in altre aziende e che va confermato il principio della volontarietà nella ricollocazione.

Nel corso della riunione è emersa la possibilità di ricorrere alla CIG per “transizione occupazionale”: ma su questo la delegazione sindacale ritiene che vada valutata coi lavoratori in assemblea e ha chiesto di sfruttare il rimanente mese di Cassa Integrazione ancora disponibile per la definizione di un eventuale accordo.

La Direzione aziendale ha rifiutato tale proposta e ha anche risposto negativamente all’appello della Sottosegretaria, On.le Fausta Bergamotto di accogliere la proposta sindacale.

Per questo motivo, oggi e nei prossimi giorni i lavoratori e le lavoratrici della Jabil di Caserta, scendono in sciopero con il pieno sostegno delle Organizzazioni sindacali!

Fim, Fiom, Uilm nazionali

Roma, 25 gennaio 2023

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

RETTIFICA DEL 28 GENNAIO 2023:

A seguito del nostro comunicato sindacale unitario del 25 gennaio u.s. sulla vertenza Jabil abbiamo ricevuto una lettera a mezzo Pec datata 27 gennaio 2023 della società Cogepa Spa nella quale la scrivente precisa che la stessa non è stata mai oggetto di interdittiva antimafia a differenza - come scrive la stessa Cogepa Spa - "da altre società - con denominazione parzialmente coincidente con la nostra - con cui non abbiamo alcun rapporto, né collegamento".
Nel prenderne atto, ne diamo pronta notizia e diffusione.

Fim, Fiom, Uilm, Failms nazionali


Roma, 28 gennaio 2023

Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search