Martedì, 05 Luglio 2022

Alcatel Lucent. Al ministero nulla di fatto. Da domani mobilitazioni per evitare i licenziamenti.

Si è svolto oggi il primo incontro al ministero del Lavoro per la procedura di licenziamento avviata da Alcatel Lucent nei confronti di 23 lavoratrici e lavoratori. La procedura coinvolge gli addetti ancora in cassa integrazione per i quali la multinazionale delle telecomunicazioni rifiuta di prorogare l'utilizzo di strumenti alternativi ai licenziamenti.

L'incontro, dopo una lunga discussione, è stato riaggiornato al primo di ottobre, ultimo giorno della procedura, ma le posizioni tra le parti sono rimaste distanti.

Domani si terranno le assemblee nei luoghi di lavoro e si decideranno le iniziative di mobilitazione da intraprendere nei prossimi giorni.

Per Roberta Turi, segretaria nazionale della Fiom-Cgil, “è gravissimo l'atteggiamento dell'azienda, con la quale, negli anni scorsi, il sindacato ha gestito in maniera condivisa processi di ristrutturazione molto più ampi e complessi.”

“Nelle prossime ore – continua – manderemo unitariamente una lettera ai ministeri del Lavoro e dello Sviluppo economico e alla presidenza del Consiglio per chiedere un intervento deciso sulla multinazionale che, tra l'altro, vorrebbe usufruire di finanziamenti pubblici. Chi licenzia non può ricevere incentivi.”

“Mentre il sottosegretario del ministero dello Sviluppo economico Antonello Giacomelli – aggiunge la sindacalista – annuncia che i primi bandi del nuovo piano della banda ultra larga partiranno entro l'anno e si finiscono di spendere le risorse dei vecchi bandi, le aziende di telecomunicazioni procedono con i licenziamenti in maniera unilaterale come mai prima d'ora. Questo è accaduto di recente in Nokia, in Ericsson, e rischia di accadere in Alcatel Lucent se la posizione dell'azienda non cambierà.”

“È venuto il momento – conclude – che il Governo si interroghi rispetto all'impatto sull'occupazione che il piano strategico banda ultralarga sta determinando. Non è sufficiente far ripartire gli investimenti, è necessario che questi vengano legati a benefici concreti sull'occupazione, in termini quantitativi e qualitativi. Al momento sta accadendo esattamente l'opposto e questo non è accettabile.”

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 23 settembre 2015

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search