Martedì, 03 Agosto 2021

Alcatel Lucent. Turi: "I lavoratori in presidio a Montecitorio"

LOGOFIOM-180X120

Roberta Turi, segretaria nazionale Fiom-Cgil, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione.

Oggi si è svolto un presidio di una delegazione di lavoratori di Alcatel Lucent davanti al Parlamento in concomitanza con lo sciopero di otto ore proclamato a livello nazionale per bloccare i licenziamenti, avere garanzie sul futuro dello stabilimento di Trieste e aprire subito un tavolo di confronto sull'acquisizione di Alcatel Lucent da parte della Nokia.

 15 04 29-alcatel

Lo sciopero ha avuto una buona riuscita e durante il presidio i lavoratori hanno avuto modo di incontrare deputati e senatori ai quali hanno chiesto di sostenere la loro vertenza.

La Fiom ritiene che vada immediatamente trovata una soluzione per i quaranta lavoratori che rischiano di essere licenziati a partire dall'8 maggio. È fondamentale che il ministero del Lavoro dia la possibilità di utilizzare lo strumento della cassa in deroga per avere più tempo a disposizione per poter ricollocare i lavoratori.

Rispetto al futuro dello stabilimento produttivo di Trieste e alla recente acquisizione da parte della Nokia, la Fiom ritiene che il Governo debba intervenire con forza sulle due multinazionali e si debba avviare un confronto presso il ministero dello Sviluppo economico al fine di tutelare l'occupazione e dare continuità alle attività produttive svolte in Italia.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 29 aprile 2015

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search