Giovedì, 28 Ottobre 2021

Ex Ilva. Fiom: dopo ok dall’UE, subito investimenti e trattativa

“Il pronunciamento positivo dell’Unione Europea al controllo congiunto Invitalia- ArcelorMittal degli stabilimenti italiani ex Ilva rappresenta un punto fermo imprescindibile per tutti. Nell’ambito della procedura semplificata di esame sulle concentrazioni commerciali, il pronunciamento sottolinea l’assenza di sovrapposizioni e di legami verticali in grado di determinare un problema di concorrenza nello spazio economico europeo.

A questo punto non c’è davvero più nulla che impedisca o possa rallentare un percorso di confronto e di partecipazione diffusa sulle scelte industriali, occupazionali ed ambientali del gruppo. Soprattutto non c’è più nulla che possa giustificare il ritardo nell’avviare gli investimenti necessari a sostenere il rilancio dell’insieme degli stabilimenti, a partire dalla manutenzione degli impianti, ed in particolare ad avviare un indispensabile e complessa qualificazione del ciclo produttivo nel sito di Taranto.

C’è quindi un confronto da avviare con la nuova società e c’è un confronto da sostenere con il nuovo Governo per quanto riguarda gli strumenti di sostegno al reddito dei lavoratori, di continuità occupazionale e della più generale sostenibilità sociale delle ricadute di questi processi.

Per queste ragioni, la Fiom ritiene indispensabile definire già nelle prossime ore l’agenda dei confronti sul piano industriale nei singoli stabilimenti“.

Lo dichiarano Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil e Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile siderurgia

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 29 gennaio 2021

 

 

 

 

Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search