Giovedì, 21 Novembre 2019

Ferriera di Servola. Fiom: no alla chiusura senza garanzie di occupazione e investimenti

All'incontro di questa mattina al ministero dello Sviluppo economico, alla presenza del neoministro Patuanelli, delle Istituzioni locali con il presidente della Regione Fedriga e il sindaco di Trieste Dipiazza, delle organizzazioni sindacali nazionali e territoriali e della proprietà Arvedi, l'azienda ha ribadito la volontà di chiudere l’area a caldo e di investire sull’area a freddo e sulla centrale elettrica, salvaguardando l’occupazione.

Da parte nostra abbiamo ribadito che per quanto ci riguarda non è possibile parlare di chiusura fino a quando non ci sarà una proposta complessiva, dal piano industriale agli investimenti e alla salvaguardia complessiva dell'occupazione.

Preoccupano le dichiarazioni del ministro secondo il quale, pur dichiarando che Arvedi rispetta tutti i parametri ambientali, la presenza della Ferriera non è compatibile in un contesto come quello urbano triestino, per ragioni di rumore, polveri ecc. Dichiarazioni che accompagnano la volontà di chiusura manifestata da Arvedi. Decisione che vedrebbe l’Italia perdere ulteriore produzione di acciaio – 400.000 tonnellate/anno – con il conseguente indebolimento del nostro paese dal punto di vista industriale.

Per la Fiom non si possono prendere decisioni affrettate e avventate ma serve approfondire nei modi e nei tempi adeguati un eventuale progetto di riconversione che salvaguardi le prospettive industriali e l’occupazione. Senza una prospettiva chiara e precisa per la Fiom non può essere presa in considerazione una chiusura del sito con ricadute pesanti sull’occupazione.

Dichiarazione di Mirco Rota, Fiom nazionale

 

Ufficio stampa Fiom-Cgil

 

 

Roma, 18 settembre 2019

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search