Domenica, 28 Novembre 2021

Amianto. Sentenza del Tar del Lazio. Prime linee di comportamento e delle azioni da perseguire

Dopo la sentenza del Tar del Lazio che ha accolto il ricorso dell’Associazione Italiana degli Esposti all’Amianto cosi cancellando il decreto del Ministro del Lavoro del 12 marzo 2008, che permetteva l’accesso ai benefici previdenziali solo ai lavoratori esposti all’amianto di 15 imprese definite in elenco, riservandoci successive e ulteriori indicazioni e iniziative, che presenteremo nell’attivo nazionale della Fiom, previsto in linea di massima il 24 settembre a Roma e comunque già aderendo alle iniziative previste dalla AIEA, intendiamo qui presentare delle prime linee di comportamento e delle azioni da perseguire, che nascono soprattutto con il contributo della stessa AIEA.

1) La sentenza è esecutiva e dunque è possibile da parte di tutti i lavoratori, che hanno i requisiti, fare la richiesta di accesso ai benefici, sapendo che non è ancora chiaro se il Governo intenda o meno fare appello al Consiglio di Stato. Nel caso facesse appello bisognerà attendere la sentenza definitiva per essere certi della possibilità dell’abbuono.

2) La sentenza si riferisce a tutti i lavoratori compresi in tutti gli atti di indirizzo.

3) La sentenza riguarda i lavoratori non pensionati che hanno fatto già domanda entro il termine del 15 giugno 2005.

4) Tutti i lavoratori che ritengono di avere i requisiti stabiliti per poter richiedere i benefici previdenziali possono fare domanda per periodi successivi a quelli che erano stati dichiarati come ultimativi e cioè fino a che non era iniziata la bonifica nei loro luoghi di lavoro e comunque non oltre il 2003.

5) Deve comunque essere inviata una nuova domanda all’INAIL con il modulo in fac-simile che alleghiamo.

6) E’ opportuno che le strutture territoriali Fiom interessate a siti produttivi ove era o è presente amianto informino i lavoratori coinvolti di queste novità e di queste iniziative eventualmente sostenute anche dall’azione degli uffici legali.

7) A sostegno di questa iniziativa è necessario mettere in campo anche dei confronti con i Prefetti per far arrivare da tutti i territori al Governo la necessità di determinare celermente gli utili atti legislativi.

 

Roma, 10 luglio 2009

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search