Venerdì, 06 Dicembre 2019

Ansaldo Sts. Dati sull'andamento aziendale e aggiornamenti sulla trattativa per l'integrativo

Si è tenuto a Roma in data 28 marzo l’incontro tra il Coordinamento Fim Fiom Uilm Ansaldo STS e la direzione aziendale per illustrazione della situazione aziendale del gruppo - come da noi richiesto - e per continuare il confronto per il rinnovo dell’integrativo aziendale.
Ansaldo STS ha intrapreso un riesame della propria strategia aziendale alla luce di un mercato sostanzialmente piatto e che secondo approfondite valutazioni dovrebbe nei prossimi 5 anni avere una accessibilità media annua pari a 15,4 miliardi di € con una crescita contenuta pari all’0,8%.
In futuro l’azienda si concentrerà su 4 aree: progetti di turn-key, il segmento O&M per progetti  turn-key, sistemi di ERTMS e CBTC, automazione, satellitare digitale e tecnologie Hitachi.
Ansaldo STS ha inoltre illustrato i principali ordini acquisiti nel corso 2017, come la linea AV-AC Verona Padova, la Metropolitana di Baltimora ecc per un totale di 1.501 milioni di € con un variazione del 2% rispetto al 2016.
Inoltre è stata illustrata la situazione riguardante la Metro Red Line di Stoccolma oggetto di contenzioso legale tra l’azienda e il committente conseguentemente al comportamento di quest’ultimo. Vicenda che ha portato ad una revisione dell’EBIT e conseguentemente avrà degli effetti negativi per quanto riguarda il Premio di Risultato.
Su questo aspetto le OO.SS. hanno richiesto uno specifico approfondimento affinché i valori del PdR non subiscano una immotivata decurtazione.
Nello specifico i principali indici:



     2017    2016        Guidance 2018
Ordini acquisiti      1.501     1.476       Ordini acquisiti 1.500-2.000
Ricavi      1.361     1.327       Portafoglio ordini 6.450-7.050
Ebit e Ros      7,4%     9,6%       Ricavi 1.350-1.450
Posizione finanziaria      357,5     338       ROS 8.0%-8.5%
            Posizione finanziaria netta 300-380

Per quanto riguarda invece il prosieguo della trattativa riguardante il rinnovo dell’integrativo di gruppo l’azienda in risposta alle nostre richieste ha presentato delle specifiche proposte  riguardanti: la “flessibilità” degli orari di entrata-uscita, smart working, reperibilità.
Sulla flessibilità l’azienda ha proposto un regime di flessibilità per tutti i quadri e impiegati pari a 4 ore giornaliere senza giustificativo, con un meccanismo di recupero su base mensile attraverso un progetto pilota di durata semestrale.   
Proposta che vedrebbe l’eliminazione di alcuni istituti (permessi a recupero, per indisposizione, ecc), la limitazione ad un massimo di 3 per anno dei permessi per visite mediche specialistiche nonché una limitazione del pagamento delle ore viaggio secondo quanto previsto dal  Ccnl.
Per gli operai l’estensione della flessibilità in ingresso fino a 45’ con recupero nella giornata.
Per quanto riguarda invece lo smart working l’azienda è disponibile ad una sperimentazione in alcune aree specifiche in tutti i 4 siti aziendali per un periodo di 3 mesi. Sperimentazione che dovrebbe coinvolgere circa 50 lavoratori prima di una strutturazione definitiva.
Su queste due proposte abbiamo chiesto all’azienda di iniziare quanto prima la fase di sperimentazione in modo da poterla rendere effettiva quanto prima.
Anche sul tema della reperibilità l’azienda come da noi richiesto in piattaforma ha illustrato un progetto di miglioramento e di potenziamento delle strutture coinvolte.
Su queste specifiche proposte come OO.SS. abbiamo fatto alcuni rilievi riservandoci una valutazione complessiva che espliciteremo già dai prossimi incontri alla luce anche di una serie di dati che abbiamo richiesto all’azienda rispetto agli istituti contrattuali su cui si vorrebbe intervenire.

Coordinamento sindacale Fim, Fiom, Uilm Ansaldo STS
Fim, Fiom, Uilm nazionali


Roma, 3 aprile 2018

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search