Lunedì, 24 Giugno 2019

Leonardo divisione elettronica Lob Tcs. Riorganizzazione e obbiettivi ambiziosi, risultati 2018 negativi

Nella giornata di giovedì 23 maggio 2019 si è svolto l'incontro della Lob TCS alla presenza del responsabile della Divisione Elettronica Ing. Cuccaro, il neo responsabile della Lob Ing. Bruni, e il Coordinamento nazionale FIM-FIOM-UILM, per l'incontro annuale sulle prospettive industriali, i carichi di lavoro per il 2019 e i consuntivi del 2018.

La presentazione ha visto l'Ing. Cuccaro illustrare il nuovo organigramma con gli incarichi conferiti, gli scenari industriali e il collocamento attuale di Leonardo (5° posto a livello internazionale) in un mercato con prospettive di crescita nei prossimi anni del 4,8%, le scelte industriali e gli obbiettivi commerciali sempre maggiormente focalizzati sul mercato estero (70%), con un attuale fatturato della Lob di circa 150 Milioni di €.

Le scelte industriali, e i relativi investimenti che saranno a livello economico per il 2019 pari a quelli del 2018, vedranno una maggiore focalizzazione e oculata attenzione su prodotti e tecnologie prevalentemente richiesti dal mercato, soprattutto a livello internazionale, attraverso una gestione dei programmi e dei processi in sinergia con la Divisione Elettronica. Questo dovrebbe consentire, a detta dell'Azienda, di ridurre le grandi inefficienze attualmente presenti, non imputabili alle attività svolte dalla stragrande maggioranza dei dipendenti. Tali sinergie dovrebbero anche consentire di ottimizzare i costi dei prodotti, al fine di una maggiore capacità acquisitiva sul mercato delle molte commesse esistenti, le quali a livello mondiale generano un Business di 3 Miliardi di €.

Nel corso dell'esposizione sono emerse tuttavia, a fronte di obbiettivi molto ambiziosi per l'anno 2019, una situazione fortemente negativa rispetto ai risultati del 2018, che hanno portato al mancato raggiungimento di tutti gli obbiettivi economici prefissati. Inoltre i dati attuali a maggio 2019, non vedono ancora una inversione di tendenza che vada nella direzione degli obbiettivi che l'Azienda si pone per il 2019. Se le scelte indicate porteranno ad un cambio di passo lo vedremo probabilmente nel corso del prossimo triennio, pertanto per la FIOM-CGIL è fondamentale che l'Azienda mantenga gli impegni assunti attraverso un confronto nazionale, ma soprattutto con incontri territoriali con le RSU e le Strutture sindacali, richiesta a cui l'Azienda si è resa disponibile a darà seguito nelle prossime settimane, che consentano di identificare e risolvere i problemi attraverso una contrattazione di sito, a partire dalle necessarie assunzioni che dovranno essere concordate nelle modalità e nei tempi, identificando le figure professionali realmente necessarie.

Infine i numeri degli occupati nell'attuale LOB (525 dipendenti di cui 233 nell'ingegneria) identificano una realtà a se stante di dimensioni comunque importanti, concentrati nella loro quasi totalità nei siti di Campi Bisenzio, Roma, Giuliano e Fusaro.

Come FIOM-CGIL monitoreremo con particolare attenzione i processi di riorganizzazione in corso, dando un successivo giudizio e valutando eventuali richieste di incontro nazionale a valle dell'esito degli incontri di sito, che a breve saranno calendarizzati, dai quali si comprenderà se gli annunci e gli obbiettivi ambizioni avranno un vero riscontro industriale e occupazionale con prospettive durature per l'attuale Lob.

Fiom-Cgil nazionale

Roma, 24 maggio 2019

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

I agree with the Privacy policy

Search