Domenica, 23 Gennaio 2022

Coordinamento RSA Stellantis: mobilitazione unitaria per il futuro dei lavoratori dell’automotive

Si è riunito oggi il coordinamento nazionale delle delegate e dei delegati della FIOM di Stellantis, dei segretari generali delle Fiom territoriali per discutere della situazione degli stabilimenti e più in generale del settore.

Il 2021 si è avviato con la crisi del mercato dell’auto e l’aumento generalizzato del ricorso agli ammortizzatori sociali. Il mercato europeo dell’auto sta affrontando una crisi profonda determinata anche dalla pandemia e il nostro paese ci è arrivato con una crisi sistemica, la mancanza di investimenti per l’innovazione del prodotto e l’assenza di una politica industriale pubblica.

In questo scenario la comunicazione aziendale sul costo industriale alto degli stabilimenti italiani, la riduzione dei servizi e di ulteriore taglio dei costi sta generando una situazione di estrema incertezza e preoccupazione nelle lavoratrici e nei lavoratori del Gruppo e in quelli delle aziende di fornitura.

Per queste ragioni la FIOM nelle scorse settimane ha richiesto un incontro all’azienda sulla situazione produttiva di tutti gli stabilimenti e sui costi industriali. Ma è evidente che la mancanza di modelli e di saturazione della capacità installata incide sui costi di produzione per questo è necessario che si apra un confronto che faccia chiarezza,  e un piano industriale che garantisca nuove produzioni.

La FIOM ha sollecitato, unitariamente a Fim e Uilm, il Governo ad aprire un tavolo specifico di settore. 

È indispensabile un confronto sul piano industriale di Stellantis in Italia e della filiera di fornitura e un piano per l’occupazione. Particolare attenzione deve essere posta sull’impatto che le nuove tecnologie avranno sulle produzioni tradizionali a partire dalla componentistica e la produzione di motori endotermici in particolare diesel.

Alla garanzia degli stabilimenti e dei lavoratori, bisogna dare concretezza agli annunci e il Governo deve sostenere l’intera filiera ed essere garante anche degli impegni assunti da FCA nel momento della richiesta del prestito di oltre 6 miliardi.

In questa fase critica è il momento di unire lavoratori e organizzazioni sindacali su tutto il territorio nazionale per aprire una campagna di assemblee azienda per azienda con l’obiettivo di mobilitarsi unitariamente se non si dovesse aprire il confronto.

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search