Venerdì, 30 Settembre 2022

Fiom Venezia - BASTA MORTI SUL LAVORO!!!

 

Nella giornata di ieri, lunedì 29 novembre 2021, un’altra vita è stata spezzata, un altro lavoratore che non è tornato a casa!

Fabio De Prat di 46 anni, mentre stava eseguendo delle attività di manutenzione, per conto della Città Metropolitana di Venezia a Jesolo, è stato investito da un’esplosione causata da una bombola di azoto.Un altro suo collega è stato coinvolto nell’incidente ma fortunatamente senza gravi conseguenze fisiche, entrambi lavoravano per una ditta di Salzano specializzata in questo tipo di attività.

 

Inutili i soccorsi che non hanno potuto fare altro che constatare l’ennesimo infortunio mortale in un’azienda del territorio veneziano. Si continua a morire sul lavoro, con una media di oltre tre morti al giorno, nelle fabbriche, nei campi, nei cantieri edili, sui mezzi di trasporto, sono più di mille le persone, uomini e donne, che nel corso del 2021 non hanno fatto ritorno a casa.

 

Fim Fiom e Uilm di Venezia, e tutti i metalmeccanici della provincia, si stringono attorno alla famiglia di Fabio Da Prat esprimendo vicinanza e condividendone il dolore.

Non di solo Covid si muore nel nostro paese, mentre tutta l’attenzione è concentrata sulla diffusione del virus e sue nefaste conseguenze il mondo del lavoro continua a mietere vittime senza che ci sia un’inversione di tendenza a questo stillicidio.

Come sempre in queste drammatiche situazioni la domanda che ci poniamo è sempre la stessa, si poteva evitare tutto ciò? Sono state rispettate le norme di sicurezza a tutela dei lavoratori?

Spetterà alla magistratura stabilire eventuali responsabilità ma già adesso possiamo dire che il tributo di vittime sul lavoro nel laborioso nord-est dovrebbe far riflettere in primis le istituzioni e la politica locale.

Non si contano più le iniziative territoriali e nazionali per sensibilizzare la politica sul tema della prevenzione nei luoghi di lavoro, una prevenzione che passa anche attraverso maggiori controlli da parte degli enti competenti, maggiori risorse, una maggior formazione sulla sicurezza ma soprattutto una maggior consapevolezza nel modo di lavorare che dev’essere improntato, non alla ricerca del massimo profitto nel minor tempo possibile ma principalmente alla salvaguardia dell’incolumità di chi tutti i giorni deve lavorare per vivere.

 

Venezia lì, 30 novembre 2021

Segreterie Provinciali Fim, Fiom e Uilm di Venezia

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search