Domenica, 04 Dicembre 2022

Fiom Padova - Nuovo rinvio per la vertenza Grafica Veneta

Oggi si è tenuto il secondo incontro in prefettura per risolvere la situazione dei lavoratori coinvolti nella vicenda Grafica Veneta/BM service. Nonostante l’intenzione dei sindacati presenti di arrivare a risoluzione nella giornata di oggi, per volontà dell’azienda è stato fissato un ulteriore incontro per lunedì 16 agosto alle ore 9.30.

All’incontro di oggi erano presenti Dario Verdicchio e Aldo Marturano della Cgil, Giacomo Zanella della Slc Cgil e Loris Scarpa della Fiom Cgil territoriali di Padova, la rappresentanza di Adl Cobas, il vice prefetto vicario Luigi Vitetti, il vice questore vicario Domenico Farinacci e l’avvocato di Grafica Veneta Emanuele Spata.

La discussione, piuttosto animata, è durata quasi 3 ore e ha portato alla definizione del numero presunto dei lavoratori coinvolti e si sono stabilite delle regole di comportamento fra le parti.

L’azienda ha preso l’impegno di non muoversi autonomamente e di non cercare di isolare i lavoratori volendo risolvere la questione singolarmente con ogni lavoratore coinvolto e rappresentato dal tavolo di contrattazione di oggi.

Lunedì 16 agosto si affronterà la questione delle ore lavorate e dell’impiego dei lavoratori all’interno di Grafica Veneta nel corso dell’ultimo anno cercando di arrivare alla risoluzione completa della questione.

“La posizione della Cgil rimane invariata. Per noi è necessario arrivare all’assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori coinvolti, al recupero del pregresso in termini di compenso delle ore lavorate. È altresì fondamentale per noi che non si giochi sulla pelle dei lavoratori cercando vie di fuga che non tengano presente della necessaria unità dei lavoratori in cui venga garantita equità e giustizia per tutti.” hanno dichiarato i segretari di Fiom, Cgil e Slc una volta sospeso il tavolo. 

Dopo le denunce e le accuse a carico dei titolari della BM Services sas e degli amministratori di Grafica Veneta adesso occorre tutelare i lavoratori di questa ditta in appalto che rischiano di restare senza lavoro in una situazione di totale assenza di tutele e di dignità.

 

La richiesta che sia la Fiom che la Cgil che Slc di Padova ritengono prioritaria in questo momento, nei confronti di Grafica Veneta, è che i lavoratori di BM Service vengano integrati all’interno dell’azienda, con contratti trasparenti e decorosi, in linea con il mercato e la contrattazione nazionale e di secondo livello, in modo da iniziare un risanamento necessario all’interno della filiera del libro.

La Fiom è parte in causa di questo processo perché la BM Services sas applicava, per assurdo, il CCNL metalmeccanico. Infatti non di secondo rilievo è la denuncia ulteriore dell’uso, smodato e deregolamentato, del sistema degli appalti che, in ogni settore, è praticamente simbolo di sfruttamento e mancanza di tutele e di sicurezza.

Ricordiamo che nel corso dell’inchiesta sullo sfruttamento e violenze nei confronti di lavoratori stranieri, partita a maggio 2020, sono stati arrestate nove persone di origine pakistana (fra le quali i due cittadini italiani di origine pakistana proprietari di BM Services, azienda si occupava di fornire lavoratori per il confezionamento e il fissaggio di prodotti per l’editoria a varie aziende del Nord, tra cui Grafica Veneta) e messi agli arresti domiciliari due dirigenti di Grafica Veneta.

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search