Domenica, 05 Dicembre 2021

Fiom Belluno - Lettera unitaria firmata da tutti i lavoratori e le lavoratrici Acc Wanbao indirizzata al dr. Franco e all'on. D'Incà

Gentili Dottor Daniele Franco e onorevole Federico D'Incà

 

Fim-Fiom-Uilm provinciali e RSU, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori della Acc Wanbao in amministrazione straordinaria di Borgo val Belluna, all'indomani della vostra nomina a ministri del nuovo governo guidato dal Presidente Draghi si rivolgono a Voi in nome del legame sociale e culturale che ci accomuna alla nostra provincia di Belluno.

Nell'esprimervi il nostro comune orgoglio per l'incarico che vi è stato affidato (in quanto Bellunesi-doc) in questa fase così difficile per il futuro della nostra nazione chiediamo il Vostro interessamento e aiuto per salvare e rilanciare la nostra fabbrica.

La nostra vecchia e gloriosa Zanussi Elettromeccanica eretta negli anni 60 nell'ambito della ricostruzione dopo la tragedia del Vajont che così duramente colpì le nostre genti, è stata per decenni simbolo dell’identità industriale bellunese formando generazioni di operaie, operai, tecnici e dirigenti che hanno consentito la nascita e lo sviluppo di molte imprese locali.

Negli anni la nostra azienda ha conosciuto grandi sventure: prima un decennio di gestione di fondi privati che hanno commesso enormi errori strategici conducendola al dissesto e poi cinque anni di gestione di un gruppo pubblico cinese incapace di rilanciarla.

In questa tempesta abbiamo sempre dimostrato la nostra grande capacità di resistenza, siamo ancora vivi! apprezzati dai grandi clienti europei per la nostra affidabilità e flessibilità, siamo capaci di esprimere prodotti all'avanguardia con il nuovo compressore a velocità variabile già prenotato dai maggiori produttori internazionali e siamo persino arrivati a rinunciare per 6 mesi al 50% dei nostri stipendi per consentire l'acquisto della materia prima!

Oggi la Val Belluna ha la straordinaria opportunità di guidare un progetto di forte rilancio industriale con la nostra fabbrica forza motrice del progetto Italcomp di integrazione con la ex Embraco di Riva di Chieri (400 lavoratori in cassa integrazione da 3 anni) con la previsione di assemblare 6 milioni di compressori, diventando un punto di riferimento per la provincia e per l'intero Veneto.

Perché tutto ciò si realizzi, manca solo che le banche e gli istituti di credito concedano i prestiti necessari alla operatività di Acc in attesa della nascita di Italcomp, avendo avuto peraltro le necessarie garanzie statali.

Il tempo rimasto è ormai finito! E, in questo momento così drammatico per noi e per le nostre famiglie, ci rivolgiamo a Voi perché, insieme, ognuno per la propria parte, si riesca a garantire un futuro a loro e alla nostra comunità.

 

 Le lavoratrici e i lavoratori ACC WANBAO

16 febbraio 2021

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search