Martedì, 20 Aprile 2021

Fiom Belluno - ACC: Le banche non ci abbandonino!  

Da oltre un anno ormai, dopo lo sciagurato abbandono della storica fabbrica Acc di Borgo val Belluna da parte dei cinesi di Wanbao, dopo il drammatico licenziamento di oltre un centinaio di lavoratrici e lavoratori, siamo impegnati e in lotta per il mantenimento e il rilancio di quello che è rimasto l’ultimo esempio della grande tradizione tecnologica della produzione del compressore domestico in Italia e in Europa.

Grazie al lavoro e all’impegno delle organizzazioni sindacali, delle RSU di stabilimento, della regione Veneto, del commissario straordinario, del governo, del Ministero dello Sviluppo economico, delle lavoratrici e lavoratori la fabbrica è ancora viva, aumenta del 38% i volumi sull’anno precedente, recupera tutti i clienti e ne acquisisce di nuovi, sviluppa nuovi prodotti per il mercato della refrigerazione domestica e, fatto di eccezionale importanza sociale, assume numeri significativi di lavoratori esperti, ma espulsi dal mercato del lavoro come scarti. Tutto questo senza aver mai ricevuto un euro di aiuto esterno!! Solo con le nostre forze, intelligenze, capacità, sacrificio e spirito di dedizione.

Ora siamo però ad uno snodo cruciale, la commissione Europea sembra orientata a non soccorrere Acc, negando l’autorizzazione agli aiuti di stato arrivando a definire trivial products (prodotti banali) i nostri compressori, siamo invece fermamente convinti che l’indipendenza dell’intera refrigerazione europea, uno dei fattori chiave del PIL continentale e della sua competitività, dipende dall’esistenza di un produttore come Acc. I burocrati europei non capiscono che dietro prodotti apparentemente banali come il compressore ci sono universi tecnologici e produttivi straordinariamente sofisticati e complessi. Il compressore è banale come lo pneumatico, come il freno, come i fanali di un’auto: il compressore è quindi alta tecnologia!

Guai a noi tutti se passasse l’idea che Acc fa “roba vecchia”: guardiamo all’esempio della ex Embraco, che insieme ad Acc darà vita al nuovo polo del compressore europeo Italcomp, dove si è tentato di sostituire i compressori con i robot per la pulizia dei pannelli fotovoltaici (robotica green: il massimo della modernità!) ed è finita con un clamoroso flop come del resto è accaduto ad Elettrolux pochi anni fa, quado è stata chiusa la fabbrica a Firenze di frigoriferi per produrre pannelli fotovoltaici, alla fine non sono stati prodotti né frigoriferi né pannelli con la drammatica perdita di 700 posti di lavoro.

Acc è ghisa! È old-economy, è manifattura. Quella manifattura classica che sta consentendo all’Italia di difendere il suo Pil, il suo ruolo nelle catene internazionali del lavoro, la sua occupazione, la sua tenuta sociale!

Ora che il governo ha scelto di fornire la garanzia pubblica (non a caso GARANZIA ITALIA) predisposta dal decreto liquidità ad Acc, sarebbe gravissimo ed inspiegabile per la nostra comunità se, per un ragionamento simile a quello dei burocrati europei, le banche che sono chiamate a sostenere il progetto si sottraessero con risibili pretesti, come la differenza tra il 100% della garanzia della Prodi-bis e quella del 90% del decreto liquidità. Si porrebbe un serissimo problema istituzionale, in un momento nel quale il Presidente della Repubblica chiede a tutti uno sforzo per l’unità e la salvezza nazionale con l’incarico al prof. Draghi di formare un nuovo esecutivo, le banche disconoscano lo strumento offerto dal governo per il salvataggio di una grande azienda come Acc e per garantire la nascita del polo Italcomp.

Siamo ai confini della renitenza, se non della diserzione. Chi si renderà responsabile del sacrificio di Acc nel nome di poche decine di migliaia di euro di rischio, decretando il licenziamento delle sue lavoratrici e dei suoi lavoratori (sono banali anche le loro storie, le loro vite, le loro famiglie?), ne dovrà rispondere davanti a loro e alla nostra comunità.

Chi può ragionevolmente sostenere che in questi tempi di pandemia e di crisi economica così difficili e complicati vi siano comparti, come quello bancario, che rifiutano di assumere rischi fisiologici a qualunque attività di impresa.

Se si vantano di essere vicine ai territori e alle loro genti, le banche non si ostinino a leggere “burocraticamente” i conti aziendali, ma accettino con entusiasmo e fiducia la sfida culturale di far proprio insieme a tutti noi un piano industriale dotato di forza strategica e industriale.

Le lavoratrici e i lavoratori di Acc non lo dimenticheranno in un senso o nell’altro!!!

  

Stefano Bona, segretario generale Fiom Cgil Belluno    

 

Attachments:
FileFile size
Download this file (ACC - Le banche non ci abbandonino - 06 02 2021.pdf)ACC - Le banche non ci abbandonino - 06 02 2021.pdf356 kB
Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search