Martedì, 11 Agosto 2020

Fiom Veneto - Rinnovato il Contratto Collettivo Regionale di Lavoro del settore Artigiano Metalmeccanico, nuove prestazioni Ebav a sostegno dei lavoratori

Nella giornata del 7 luglio 2020, tra Fim, Fiom, Uilm del Veneto e le Associazioni Regionali di CNA, Confartigianato, Casartigiani è stato rinnovato il Contratto Collettivo Regionale di Lavoro del settore Metalmeccanico Artigiano, Installazione Impianti e Autoriparazioni.

Gli incontri svolti e le discussioni fatte hanno consentito di giungere ad un importante accordo in cui sono stati confermati e rafforzati gli osservatori paritetici per il monitoraggio dell’orario di lavoro e della formazione professionale, sono state consolidate le quote retributive regionali fisse e variabili definite dalla contrattazione negli ultimi 25 anni. È stata consolidata e trasformata nella paga mensile la quota variabile vigente la quale inciderà su tutti gli istituti contrattuali. Un riconoscimento agli oltre 66.000 lavoratori artigiani metalmeccanici veneti un premio per la loro professionalità.

Questi i punti salienti dell’accordo:

a) Orario plurisettimanale: si è concordato che l’osservatorio regionale procederà ad un monitoraggio, a partire dalla stipula del presente accordo e fino alla sua scadenza, con lo scopo di conoscere l’effettiva portata dello strumento e del suo utilizzo, le parti concordano che qualora alla fine del monitoraggio l’utilizzo e l’efficacia sia minimale, l’intero articolo andrà ridiscusso.

b) Osservatorio regionale: le nuove sfide legate anche all’attuale emergenza ci impongono di guardare con nuovi occhi le prospettive del settore, per tale ragione si conviene che periodicamente l’osservatorio regionale, area meccanica, si riunirà per verificare le attività svolte nel settore a partire dai progetti di formazione presentati, alle aree di crisi, al fine di formulare iniziative e proposte a supporto del settore.

c) Salario: dal 1° settembre 2020 viene istituita una nuova voce ERV (Elemento Retributivo Veneto), la quale verrà inserita in cifra fissa nella parte alta del cedolino paga e che riunifica tutte le voci retributive frutto della contrattazione regionale sia fisse che variabili (IRR + ERR + ERT). Per tale ragione l’ERT (Elemento Regionale Transitorio) sarà erogato fino al 31 agosto 2020, il quale verrà confluito poi nell’ERV, con la conseguente incidenza su tutti gli istituti contrattuali diretti, indiretti e differiti, come ad esempio: Ferie – malattia – 13^ - TFR. Per gli apprendisti il valore della nuova voce ERV sarà pari ad euro 25,00 (0,14451 su base oraria)

d) Welfare Aziendale: a fronte della richiesta di un incremento salariale, viene prevista una erogazione sotto forma di welfare aziendale per coloro che sono in forza al 1.7.2020 e fino al 28.2.2021 in proporzione all’effettiva attività svolta, la somma di:

a. 80,00 € per operai, impiegati e quadri

b. 64,00 € per apprendisti professionalizzanti

Per i lavoratori a part time con orario uguale od inferiore al 50% del normale regime, l’erogazione sarà ridotta della metà. Il lavoratore potrà scegliere di farsi erogare le somme di cui sopra, attraverso una delle seguenti modalità:

- Welfare integrativo di cui all’art 51 comma 3 del TUIR (da erogare entro il 31.3.2021)

- Destinazione dell’importo alla forma di previdenza complementare a cui il lavoratore è iscritto e che preveda il conferimento del TFR.

- Retribuzione sotto forma di Una tantum (da erogare entro il 28.2.2021) la quale è soggetta alle ritenute previdenziali e fiscali sia per l’azienda che per il lavoratore.

e) Il presente accordo scadrà il 28 febbraio 2021 con l’effetto dell’ultrattività.

 

PRESTAZIONI EBAV DI 2° LIVELLO AREA MECCANICA

Nuova prestazione dal 1.1.2021 modello D20 rivolta agli apprendisti professionalizzanti, che verranno trasformati a tempo Indeterminato: 150,00 € per apprendistato della durata di 24 mesi e 300,00 € per apprendistato della durata di 36 mesi. Apprendistato duale (art 43 Dlgs 81/2005) contributo una tantum al lavoratore di 400,00 € decorsi 12 mesi dalla trasformazione del rapporto a tempo indeterminato.

Si confermano le prestazioni concordate il 16.10.2019 e 16.11.2019 le quali saranno rese operative a partire dal 1.1.2021.

- Consolidamento professionalità D12 di 500,00 € a partire dal 6° livello dopo 5 anni di anzianità aziendale;

- Sussidio assistenziale maternità D12M di 330,00 € contributo anche per il lavoratore con moglie o convivente fiscalmente carico a cui nasca, adotti o abbia in affidamento un bambino/a.

 

ACCORDO INTERCONFEDERALE “RIAPRIRE SICURI” EMERGENZA COVID 19

Nell’ambito dell’emergenza sanitaria, le parti hanno costituito un fondo speciale che interviene a sostegno delle famiglie ed imprese colpite dalla pandemia. Fatto salve tutte le altre prestazioni in essere, si sono aggiunte ulteriori 3 prestazioni a partire dal mese di Luglio 2020:

a) Sostegno al reddito: SUSSIDIO DI € 250 - Modello D31

1. Famiglia con due sospesi dal lavoro, di cui almeno uno sospeso in FSBA e l’altro coniuge posto in sospensione anche diverso da FSBA (CIGO – CIGD – FIS);

2. Famiglia monoreddito con sospensione dal lavoro per FSBA.

b) Sostegno ai genitori: SUSSIDIO DI € 250 - Modello D32

1. Destinato alle famiglie che abbiano fatto ricorso al congedo parentale speciale previsto dal Decreto Cura Italia (almeno 10 gg) al fine di custodire i figli rimasti a casa in seguito alla chiusura delle scuole.

c) Sostegno alle famiglie con figli studenti SUSSIDIO DI 100 € - Modello D33 per la didattica on-line per l’acquisto di strumenti o servizi utili alla didattica dei propri figli studenti di ogni livello di istruzione.

 

Cip 8 Luglio 2020

Fim Cisl – Fiom Cgil – Uilm Uil Veneto

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search