Mercoledì, 01 Dicembre 2021

La Oreste Pardini srl non deve chiudere

E' iniziata ormai da alcuni giorni la cassa integrazione a zero ore per il primo gruppo di lavoratori e lavoratrici della Oreste Pardini srl di Camaiore, storica azienda di estrusione dell'alluminio. Dopo gli incontri istituzionali delle settimane scorse - con il Comune di Camaiore e la Prefettura di Lucca - i dipendenti attendono di sapere cosa ne sarà del loro posto di lavoro. Ci sarà la chiusura dell'azienda e la vendita dei macchinari o l'attività potrà proseguire secondo quanto propone l'offerta giunta dalla Elexos (gruppo Cima)?


Venerdì prossimo è in programma un incontro con il giudice della procedura fallimentare presso il tribunale di Lucca. Intanto oggi, 26 ottobre, i lavoratori sono tornati a far sentire la loro voce davanti ai cancelli di via Sterpi, scioperando per due ore. "Pensavamo che l'offerta di Elexos sarebbe stata accettata perché è l'unica che consente di continuare a lavorare" ha spiegato Alessio Giannoni, da 17 anni alla Pardini e rappresentante sindacale Fiom. "Dopo la prima offerta, alla Elexos è stata chiesta un'integrazione che è arrivata e che adesso rispecchia i termini della base d'asta - ha continuato Giannoni - perciò siamo fiduciosi anche perché, viceversa, la storia della Oreste Pardini terminerebbe qui".

"La tutela dell'occupazione e del sito produttivo è il nostro obiettivo", ha aggiunto Nicola Riva della Fiom Versilia che ha ricordato come i dipendenti siano "i maggiori creditori dell'azienda, in virtù del loro Tfr - circa 400 mila euro, ndr - che quindi deve avere un peso nella decisione finale".

"I macchinari non usciranno dagli stabilimenti, se la decisione sarà di vendere tutto e chiudere l'azienda", hanno assicurato i lavoratori, contrari alla cessione al compratore estero che ha fatto la prima offerta alla proprietà. Sono 26 le famiglie a rischio di perdere lo stipendio nel giro di pochi giorni, un ulteriore colpo per il territorio versiliese in termini di occupazione e desertificazione industriale.

L'appello dei dipendenti e della Fiom è: la Oreste Pardini non deve chiudere!

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search