Martedì, 18 Giugno 2019

Fiom Milano. Sentenza strage Lamina: il risarcimento non cancella le responsabilità nella morte di 4 operai

 E’ di poco fa la notizia che il processo per la strage alla Lamina Spa di Milano che costò la vita a 4 operai si è concluso con il patteggiamento a 22 mesi (pena sospesa) per il titolare dell’azienda.

Il 19 marzo scorso, quando il Giudice decise di accogliere la richiesta di costituzione di parte civile della Fiom di Milano, concludemmo il nostro comunicato stampa come segue: “Attendiamo l’esito conclusivo del processo, ma diciamo fin d’ora che un eventuale patteggiamento non è accettabile perché affermerebbe il principio secondo il quale  a fronte della morte dei lavoratori sia sufficiente l’indennizzo per ridurre le responsabilità di chi ha determinato conseguenze tanto drammatiche”.

“Prendiamo nota della sentenza odierna – dichiara Roberta Turi, segretaria generale della Fiom di Milano – ma non cambiamo idea. Continuiamo a pensare che chi viola le norme sulla salute e sicurezza causando incidenti o, peggio, la morte dei lavoratori non possa cavarsela solo monetizzando. Così non si incentivano le imprese ad investire nella salute e nella sicurezza dei lavoratori, così morire sul lavoro continuerà ad essere considerato un danno collaterale”.

 

Milano, 9 maggio 2019

 

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

I agree with the Privacy policy