Martedì, 02 Giugno 2020

Fabriano. La fine dell'illusione

la fine dellillusione

 

Un piccolo mondo perfetto, un ecosistema dove vita e lavoro scorrono fluidi, integrati e armonici, connessi come la trama e l’ordito di un tessuto prezioso.

È il ritratto di Fabriano e dintorni, fino a pochi anni fa: uno shangri-la industriale dove tutto era semplice – abitare, andare al lavoro, mettere al mondo figli che andavano incontro a un futuro prospero. L’artefice del miracolo marchigiano si chiamava Aristide Merloni: la sua fabbrica e i suoi figli hanno cambiato il territorio Fabrianese, connotandolo come polo produttivo fra i più fiorenti in Italia.

Un’evoluzione rapida ma fragile, perché sono bastati 80 anni, dal 1930 al 2010, per partire, toccare lo zenith ed affondare.

Oggi, dopo il crollo delle industrie Merloni, Fabriano è una città che si lascia vivere, attonita, in attesa di un disastro sociale imminente. Anzi, già in atto.

 

http://www.lafinedellillusione.it/

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search