Martedì, 02 Giugno 2020

Whirlpool-Indesit. Spera e Venturi: "Sì agli investimenti, no al disimpegno a Caserta. Altri tagli in Campania non sono sostenibili. Il governo non stia a guardare"

LOGOFIOM-180X120

Michela Spera, segretaria nazionale Fiom e Gianni Venturi, coordinatore nazionale per il gruppo Whirlpool-Indesit, hanno rilasciato oggi la seguente dichiarazione congiunta.

Si è tenuto oggi, al ministero dello Sviluppo economico - alla presenza del ministro Guidi e della sottosegretaria al Lavoro Bellanova - il previsto incontro con il Gruppo Whirlpool per l'illustrazione del piano industriale dopo l'acquisizione di Indesit.

Whirlpool ci ha presentato il piano relativo alle fabbriche del Gruppo, mentre per quanto riguarda i centri direzionali il confronto è rinviato a giugno prossimo.

Quello presentato oggi è un piano che, se da un lato contiene scelte industriali importanti per il nostro paese sia in termini di investimenti che di volumi produttivi, con il rientro di produzioni attualmente fatte in Cina, in Turchia e in Polonia, dall'altro contiene la decisione di chiudere lo stabilimento ex Indesit di Carinaro in Campania e, seppur in tempi più lunghi, il trasferimento della ricerca e sviluppo sulle lavastoviglie con la chiusura del centro di None in Piemonte. Decisioni di chiusure che non possiamo condividere.

A Carinaro sono più di 800 i lavoratori e le lavoratrici oggi occupati che si aggiungono alle migliaia di posti di lavoro già spazzati via. La Campania sta pagando un prezzo altissimo in termini di occupazione, siamo ormai alla desertificazione industriale di una delle più importanti regioni del Mezzogiorno. Non siamo più in presenza di singole vertenze ma di fronte a una vera e propria "vertenza Campania" su cui il Governo e la Regione devono dire cosa intendono fare e su cui chiediamo loro di intervenire immediatamente.

Oggi Whirlpool si è limitata a illustrarci le linee guida del piano industriale. Il confronto sindacale, che sarà avviato lunedì prossimo, 20 aprile, dovrà costruire risposte per tutti i lavoratori e tutti i siti del gruppo, solo così si salva l'industria e l'occupazione nel nostro paese.

Per conquistarsi queste risposte e accompagnare il confronto, ancora una volta i lavoratori di Whirlpool dovranno mettere in campo iniziative e mobilitazioni.

La Fiom, come sempre, metterà al centro di questo confronto difficile con la multinazionale americana la difesa dell'occupazione e le prospettive industriali dei territori coinvolti e deciderà, come ha sempre fatto nel corso della difficile vertenza Indesit 2013, insieme ai lavoratori.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 16 aprile 2015

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search