Mercoledì, 01 Febbraio 2023

QF (ex GKN). Non accettiamo nessun ricatto e tavoli di trattative con la spada di Damocle sulla testa dei lavoratori

“Nella giornata di oggi, ci è pervenuta la procedura di consultazione sindacale per il ricorso alla cassa integrazione straordinaria per lo stabilimento ex GKN.

All’interno della procedura, l’azienda guidata dal dottor Borgomeo praticamente disdice unilateralmente l’accordo sottoscritto il 19 gennaio al Ministero dello Sviluppo economico, accordo approvato dai lavoratori, che prevedeva un percorso certo di rilancio industriale dell’impianto campigiano, con tempi certi di realizzazione del processo.

A quasi 10 mesi di distanza da quell’accordo, nulla si è concretizzato. Consideriamo grave che l’azienda, nell’ambito della procedura di cassa integrazione pervenutaci oggi, minacci il sindacato e i lavoratori scrivendo in calce che: «[…] l’eventuale esito negativo dell’esame congiunto o l’impossibilità di definire […] un’intesa sulla realizzazione del progetto industriale, costringerebbero la società ad assumere decisioni di tutt’altro segno rispetto a quelle contenute nell’accordo quadro del 19 gennaio 2022».

Non abbiamo mai accettato da nessuna nostra controparte ricatti sulla pelle dei lavoratori, non l’abbiamo fatto con GKN prima, figuriamoci oggi col dottor Borgomeo. Pertanto come Fiom, per sederci al tavolo negoziale, chiediamo la rimozione di questa forma di ricatto esposta dall’azienda, altrimenti non aderiremo al percorso di consultazione stabilito dalla procedura.

Sin dal primo giorno in cui è iniziata questa vertenza la Fiom, assieme alla sua Rsu e ai lavoratori, ha avuto e continua ad avere un unico obiettivo: la ripresa produttiva dello stabilimento. Se la direzione aziendale di QF pensa di poter scaricare sui lavoratori e sulla Fiom le proprie responsabilità, noi non ci stiamo. Invitiamo pertanto tutti i soggetti firmatari dell’accordo del 19 gennaio a favorire tra le parti un clima volto al raggiungimento dell’obiettivo che ci siamo dati tutti firmando quell’accordo, ovvero la reindustrializzazione del sito e la ripresa dell’attività lavorativa di tutti gli occupati. Noi siamo per i fatti, non per i ricatti!”

Lo dichiarano in una nota congiunta Simone Marinelli, coordinatore automotive per la Fiom-Cgil nazionale e Daniele Calosi, segretario generale Fiom-Cgil Firenze, Prato e Pistoia

Ufficio stampa Fiom-Cgil nazionale

Roma, 6 ottobre 2022

Tags: ,

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search