Giovedì, 28 Ottobre 2021

Italcomp. Inaccettabile continuare a giocare sulla pelle dei lavoratori

“Il progetto industriale Italcomp è stato presentato a fine del 2020, nelle due Prefetture di Belluno e Torino, illustrato e condiviso dalle parti sociali e dall’allora Sottosegretaria Alessandra Todde, oggi Viceministro. Un progetto sostenuto e apprezzato anche dall’allora Ministro dello Sviluppo economico Patuanelli.

Il Mise è stato attore nella definizione del piano, poi ratificato in sede ministeriale come soluzione per risolvere la crisi produttiva ed economica di due aziende, Acc di Belluno ed Ex Embraco di Torino, aziende che occupano 700 lavoratori e che ancora oggi, a distanza di molti mesi, attendono l’avvio del progetto Italcomp che può aspirare a trasformare queste aziende in un polo europeo nella costruzione dei compressori. 

Le dichiarazioni del Ministro Giorgetti ancora una volta liquidano a mezzo stampa un progetto ufficialmente presentato dal Governo nonostante le ripetute richieste di convocazione avanzate dalle Organizzazioni sindacali. 

Se il Governo ha cambiato idea chiediamo di discuterne al tavolo ministeriale e non tramite i comunicati stampa, sul futuro dei lavoratori non si gioca a nascondino.”

Lo dichiarano in una nota congiunta Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e responsabile elettrodomestico e Silvia Spera, Area Politiche Industriali per la Cgil nazionale

Uffici stampa Fiom e Cgil nazionali

Roma, 28 luglio 2021

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy