Sabato, 26 Settembre 2020

Auto. Fiom: Italia al bivio: basta immobilismo, il Governo utilizzi i soldi del Recovery Fund per rilanciare il settore

“La mancanza di un piano strategico per l’industria dell’automotive, l’assenza di un confronto tra imprese, sindacati e Governo sulla transizione tecnologica, insieme alla riorganizzazione e ristrutturazione del settore in Europa, stanno mettendo a rischio il principale asset dell’industria metalmeccanica, i cui effetti sarebbero drammatici non solo per le aziende e i lavoratori della componentistica ma anche per tutte le maestranze che producono dalla siderurgia all’informatica.

Mentre Francia e Germania investono e vincolano le imprese a piani che tutelano l’occupazione, in Italia il confronto non è nemmeno partito.

E’ necessario bloccare i licenziamenti e adeguare gli ammortizzatori sociali, investire nella formazione e nell’innovazione di prodotto necessari alla salvaguardia e all’implementazione dell’occupazione.

L’Italia è ad un bivio: una strada è l’eutanasia, l’altra è una nuova vita per settore anche attraverso i fondi del Recovery Fund. Ci mobiliteremo perchè l’automotive è per l’Italia lo strumento per realizzare nuova occupazione giovanile e dare sostenibilità ecologica alla mobilità delle persone”.

Lo dichiara Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 6 agosto 2020

Attachments:
FileFile size
Download this file (CS AUTOMOTIVE 6 AGOSTO 2020 .pdf)Auto. Fiom: Italia al bivio: basta immobilismo204 kB
Tags:

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search