Giovedì, 24 Giugno 2021

ArcelorMittal. Fiom: Primo Trimestre preoccupante, riaprire il confronto con Governo e azienda

“I risultati del Primo Trimestre 2020, presentati ieri da ArcelorMittal, si prestano a qualche considerazione oltre l'evidenza dei dati.

Infatti, anche se esce confermata la solidità di alcuni fondamentali di bilancio a partire dall'indebitamento netto e dalla liquidità disponibile, altri indicatori (fatturato in calo del 22,6%, produzione di acciaio dal 24,1% a 21,1 milioni di tonnellate, consegne di acciaio da 21,8 a 19,5 milioni di tonnellate) che vanno attentamente valutati.

La prima questione da sottolineare è che i dati del trimestre risentono dell'avvio molto consistente di gennaio e febbraio e ovviamente, non possono tenere conto delle fermate di aprile e soprattutto delle decisioni che il Gruppo ha assunto in questi giorni a partire dallo spegnimento dell'altoforno di Fos-sur-Mer (tanto che si ipotizza un'ulteriore contrazione dei volumi di acciaio consegnato di 5/6 milioni di tonnellate nel secondo trimestre 2020).

La seconda questione riguarda gli interventi che sono stati adottati al presentarsi dell'emergenza sanitaria e delle sue inevitabili ripercussioni sugli andamenti del Gruppo.

ArcelorMittal conferma di aver lavorato sull'obiettivo di stabilizzare il costo fisso per tonnellate di acciaio prodotto agendo, fondamentalmente, sul costo del lavoro, sulla riduzione delle spese per riparazioni e manutenzioni e riducendo al minimo le spese di conto capitale, gli investimenti.

Questo, se guardiamo agli impianti italiani, ha significato e continua a significare una produzione tarata a 7000/7500 tonnellate/giorno di acciaio liquido nel sito di Taranto; il sito di Genova, essendo parzialmente inserito nella filiera dell'alimentare, potrebbe anche aumentare la saturazione degli impianti se non dovesse scontare gli effetti derivanti dai tagli a riparazioni, approvvigionamenti, manutenzioni, anche i più ordinari; mentre sono ancora più preoccupanti le prospettive sui volumi produttivi del sito di Novi Ligure, data la situazione degli utilizzatori finali nell'automotive e nel petrolifero.

E su tutto questo pesa in maniera insopportabile l'incertezza sulle prospettive generali del gruppo in Italia: piano industriale, assetti societari, ruolo dello Stato, investimenti restano i nodi irrisolti di un confronto che continuiamo a reclamare al Governo e ad ArcelorMittal all'uscita dall'emergenza sanitaria”.

Lo dichiara Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile siderurgia.

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 8 maggio 2020

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search