Domenica, 05 Luglio 2020

Abb: l'irresponsabilità ai tempi del virus

Nonostante le richieste sindacali avanzate ai diversi livelli, Abb continua non solo nel considerare prioritariamente le sue attività produttive ma addirittura a voler rafforzare la produzione.
A Pomezia, ancora oggi, l’azienda ha insistito affinché la Rsu sottoscrivesse un accordo per rendere strutturale il lavoro al sabato lavorando quindi 48 ore settimanali. Una turnistica da sfinimento per i lavoratori.

A Frosinone richiede una presenza massiccia di lavoratori in straordinario, anche dei molti lavoratori precari presenti.

Infine oggi, a Dalmine, in provincia di Bergamo, l’azienda ha promosso una sorta di pseudo consultazione chiedendo agli operai se preferiscono chiudere o continuare le attività. Un’iniziativa davvero indecente, con cui si scarica sui lavoratori la responsabilità che dovrebbe assumersi la proprietà, in quanto unica responsabile della sicurezza di chi lavora. In una fase così delicata Abb inventa una pratica che nessuna azienda italiana ad oggi aveva messo in atto, senza alcuna vergogna rispetto a quello che i lavoratori oggi stanno attraversando in ogni luogo di lavoro.

Una pratica della quale Abb si dovrà assumere ogni responsabilità rispetto alle condizioni in cui i lavoratori sono costretti ad operare.

Dichiarazione di Mirco Rota, responsabile Fiom per Abb

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 13 marzo 2020

 

Attachments:
FileFile size
Download this file (20_03_13-abb_rota.pdf)Abb: l'irresponsabilità ai tempi del virus110 kB

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search