Giovedì, 18 Agosto 2022

Whirlpool. I lavoratori uniti: “azienda ritiri la cessione”

Quello di oggi è stato un risultato eccezionale. Le lavoratrici e i lavoratori di tutti gli stabilimenti del gruppo Whirlpool hanno scioperato contro la messa in discussione da parte dell'azienda dell'accordo del 25 ottobre scorso con l'annunciata intenzione di dismettere lo stabilimento di Napoli.

 

Fallito quindi miseramente il tentativo dell'azienda di dividere i lavoratori, con stabilimenti vuoti – Cassinetta, Melano, Siena, Comunanza, Caserta e, naturalmente, Napoli – e gli altri con adesioni altissime allo sciopero. A Napoli, i lavoratori di via Argine sono stati ricevuti dal console americano, cui hanno chiesto di farsi portavoce delle loro ragioni negli Stati Uniti, dove c'è la sede della multinazionale.

 

Quello che a gran voce chiediamo è che Whirlpool ritiri la procedura di cessione dello stabilimento di Napoli e si sieda al tavolo per ripartire dall'accordo di ottobre scorso, che parlava di investimenti e non di cessioni. E continueremo a chiederlo con tutte le iniziative già in programma nei prossimi giorni fino alla manifestazione del 4 ottobre, quando tutte le lavoratrici e i lavoratori del gruppo verranno a manifestare a Roma.

 


Dichiarazione di Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom

 


Ufficio stampa Fiom-Cgil

 

Roma, 25 settembre 2019

 


 

Tags:

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search