Lunedì, 16 Dicembre 2019

Whirlpool rimandata a settembre

Si è tenuto questo pomeriggio il primo incontro in sede tecnica sulla vertenza dello stabilimento Whirlpool di Napoli, presso il ministero dello Sviluppo economico, alla presenza del vice capo di gabinetto Sorial.

L’azienda ha presentato un supplemento d’analisi, secondo quanto richiesto nell’incontro del 24 luglio scorso nella stessa sede alla presenza del ministro Di Maio, riguardo l’unica delle soluzioni prospettate che le organizzazioni sindacali hanno accolto, vale a dire continuare con la produzione di lavatrici premium nello stabilimento di via Argine.

Per Barbara Tibaldi, della segreteria nazionale della Fiom, “di fronte ad un’analisi assolutamente insufficiente illustrata oggi dall’azienda, abbiamo dato a Whirlpool i compiti per le vacanze, e cioè di mettersi a lavorare ad un piano quinquennale, per il periodo 2020-24, che porti a rendere sostenibile quella che rappresenta per noi l’unica soluzione possibile alla vertenza: continuare a produrre a Napoli l’alta gamma di lavatrici e affiancando a questo qualche altra produzione riportata dall’estero per saturare i livelli occupazionali”.

“La nostra posizione – conclude Tibaldi – è stata supportata dal ministero, che ci ha affiancato nel chiedere a Whirlpool un’analisi più efficace e dettagliata, da riportare nel prossimo incontro che si terrà nei primi giorni di settembre nella stessa sede. Speriamo che qualche giorno di riposo estivo faccia bene al management aziendale e lo porti a produrre finalmente una soluzione accettabile, fondamentale, come abbiamo sempre detto per i lavoratori diretti, per quelli dell’indotto e per tutto il territorio.”

Ufficio stampa Fiom

Roma, 1 agosto 2019

 

 

Tags:

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search