Domenica, 26 Settembre 2021

Fiat Termini Imerese. De Palma (Fiom): «Presentata un'ipotesi di reindustrializzazione dell'area. Apprezziamo il lavoro fatto ma esprimiamo preoccupazione sulle garanzie occupazionali e di sviluppo industriale dell'area»

LOGOFIOM-180X120


Michele De Palma, responsabile Fiom-Cgil per il settore Auto, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione

«Nell'incontro di oggi al ministero dello Sviluppo economico è stata presentata un'ipotesi di reindustrializzazione dell'area di Termini Imerese. Due le proposte annunciate: la prima, una bioraffineria di secondo livello del gruppo Mossi Ghisolfi, sarà approfondita in un prossimo incontro al ministero dello Sviluppo economico.»

«La seconda, presentata oggi dal viceministro De Vincenti, prevede la produzione di auto ibride (a motorizzazione elettrica/termica) da parte di Grifa spa. Società che si è presentata alle parti dichiarando un capitale sociale di 25 milioni che, attraverso una ricapitalizzazione, diventeranno 100 nella prossima settimana, e aggiungendo che le auto prodotte – che a regime raggiungerebbero le 35.000 unità – sarebbero del segmento A, vale a dire quelle di piccole dimensioni, segmento al momento meno soggetto alla competizione di altre case automobilistiche produttrici di auto ibride. Per quanto riguarda i tempi, l'amministratore delegato dell'azienda ha riferito che, per cominciare la produzione degli autoveicoli, saranno necessari 18 mesi dal raggiungimento di un accordo. Questo progetto industriale, nelle parole del management della Grifa, vedrebbe, tra gli altri, come fornitore di componenti meccaniche e motoristiche il Gruppo Fca (ex Fiat).»

«Per la Fiom è apprezzabile il coraggio degli investitori e del gruppo di imprenditori che ha dato vita alla società ma restano comunque delle preoccupazioni legate ai tempi, alla industrializzazione del prodotto e alla sua capacità di mercato, il che non offre garanzie occupazionali del sito siciliano.»

«I lavoratori interessati dagli ammortizzatori sociali nell'area di Termini Imerese nell'ambito di Fiat e indotto sono, a oggi, circa 1.200 e, anche qualora i due progetti annunciati dal ministero dello Sviluppo economico andassero a buon fine non è assolutamente certa la garanzia occupazionale per tutte le lavoratrici e i lavoratori.»

«Il prossimo incontro, tecnico, fra la Grifa e le organizzazioni sindacali è stato fissato per l'8 luglio prossimo e in quella sede chiederemo chiarezza su piano, investimenti, tempi e salvaguardia occupazionale. Nei primi giorni di settembre si terrà inoltre l'incontro presso il MiSe nel quale verrà illustrata l'ipotesi industriale del gruppo Mossi Ghisolfi.»

«Come Fiom abbiamo infine chiesto un incontro congiunto con il ministero del Lavoro, il MiSe e la Regione per discutere di ammortizzatori sociali per tutte le lavoratrici e i lavoratori del bacino di Termini che garantiscano loro una continuità di reddito e li accompagnino alla completa rioccupazione.»



Fiom-Cgil/Ufficio Stampa


Roma, 26 giugno 2014

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search