Sabato, 07 Dicembre 2019

Alstom/Siemens. Fim, Fiom, Uilm: “i siti italiani non possono fare la parte del "vaso di coccio"

L'ufficializzazione dell'accordo tra Alstom e Siemens per la costituzione di un cosiddetto "campione europeo" nel settore ferroviario è valutato con grande preoccupazione da Fim, Fiom, Uilm e dal Coordinamento sindacale Alstom, che rappresentano gli oltre 3.000 lavoratori di Alstom nel nostro paese.

L'affermazione – riportata e ripetuta in tutte le recenti comunicazioni delle due aziende – di tutela dell'occupazione per 4 annni in Francia e in Germania, fa sorgere il fondato sospetto che siano i siti di tutti gli altri paesi, Italia compresa, a pagare in termini di "esuberi" la riorganizzazione della nuova realtà.

Già nelle assemblee con i lavoratori che si svolgeranno nei prossimi giorni nei siti italiani inizierà un percorso per alzare il livello di attenzione dell'opinione pubblica e delle istituzioni nazionali e locali, così come quella dei committenti, sulle vicende industriali di Alstom Italia per tutelare l'occupazione e le competenze tecnologiche e professionali.

 

Fim, Fiom e Uilm Nazionali

 

Roma, 27 settembre 2017

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search