Domenica, 17 Gennaio 2021

L'operaia diventa madre: trasferita da Melfi a Chivasso

LOGOFIOM-180X120

Lavorare in Fiat per le donne e soprattutto per quelle che hanno figli è sempre stato difficile; nell'era Marchionne diventa quasi impossibile. Questo è il messaggio che arriva dalla vicenda di Giorgia Calamita, operaia assunta alla Sata di Melfi nel 1992 e in seguito “terziarizzata” alla Fenice (che alla Fca di Melfi fornisce servizi eco-energetici). Da quando è rientrata dalla maternità ha dovuto fare i conti con lo stalking quotidiano e con il demansionamento. Fino al provvedimento di trasferimento presso la sede di Chivasso (Torino), a 1.000 chilometri di distanza da casa. Contro questa situazione Giorgia Calamita è ricorsa alla magistratura ordinaria. Oggi è prevista la prima udienza del procedimento che la riguarda presso il Tribunale di Potenza, le cui ragioni sono state spiegate in una conferenza stampa dal collegio legale.

Sulla vicenda è stata presentata un'interrogazione parlamentare da parte del senatore Giovanni Barozzino, capogruppo di Sel in commissione lavoro, firmata da numerosi senatrici e senatori di altri gruppi parlamentari. A sostegno delle ragioni dell'operaia di Melfi è anche intervenuta con una nota Livia Turco, Presidente della Fondazione Nilde Iotti.

In allegato:

  • l'interrogazione parlamentare,

  • la dichiarazione di Livia Turco,

  • l'intervento sulla questione della vicepresidente del Senato Valeria Fedeli,

  • la ricostruzione della vicenda a cura del collegio che rappresenta in giudizio Giorgia Calamita.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 22 luglio 2015

Tags:

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search