Mercoledì, 21 Aprile 2021

Fca e Cnh. De Palma (Fiom): "La democrazia non è una cosa privata. I lavoratori devono poter eleggere liberamente i propri rappresentanti»

LOGOFIOM-180X120

 

Michele De Palma, coordinatore nazionale Fiom-Cgil per Fca e Cnh, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione.

 

«Il segretario della Fim-Cisl, Ferdinando Uliano, continua a diramare comunicati con l'intenzione di dare pubblicità alle posizioni della Fiom-Cgil sulle questioni riguardanti Fca e Cnh. Vogliamo rendere noto che su tali questioni, come su tutte le altre, non abbiamo dato mandato al signor Ferdinando Uliano di comunicare le posizioni della Fiom-Cgil, anche perché nella fretta di scrivere ed inviare il comunicato non si è reso conto che all'incontro per la Fiom-Cgil era presente anche la presidente del Comitato centrale, Francesca Re David.»

«Nel merito. La Fiom-Cgil in conseguenza della sentenza della Corte costituzionale, sin da quando ha potuto rinominare la Rsa negli stabilimenti Fca e Cnh, ha subito chiesto di procedere alla elezione della rappresentanza, non trovando ascolto dai sindacati firmatari il Ccsl. Nonostante le migliaia di voti raccolti sulla “carta rivendicativa” e le richieste avanzate nelle assemblee nulla è accaduto.»

«In Fca e Cnh c'è un doppio regime di diritti: un “trattamento di miglior favore” per i sindacati firmatari e un altro regime di diritti per i delegati della Fiom. Inoltre, abbiamo sollecitato la direzione aziendale a riconoscere il diritto dei lavoratori a poter eleggere i Rappresentanti dei lavoratori per la salute e la sicurezza anche della Fiom, visto che dopo la firma del Ccsl non erano stati più riconosciuti.»

«Ad oggi negli stabilimenti Fca e Cnh permane un sistema di doppio binario che impedisce ai lavoratori di poter avere una rappresentanza unitaria fatta di delegati da loro eletti che negoziano la condizione di lavoro, la sicurezza e il salario. Per questa ragione abbiamo avanzato sin da subito, anche per missiva, la richiesta di incontro alle organizzazioni sindacali firmatarie.»

«Finalmente, nelle ultime settimane si è avviato un confronto per passare dalle Rsa alle Rsu. Per quanto autorevole e rappresentativa, la Fim non può pensare che la democrazia e la rappresentanza in Fca e Cnh sono una gentile concessione a patto che sottoscriviamo di fatto il Ccsl, visto che un accordo sulla rappresentanza c'è già ed è il Testo Unico.»

«Quindi, per la Fiom-Cgil si può passare dalla Rsa alle Rsu con il trasferimento di tutti i diritti sindacali attraverso l'elezione unitaria come sta già accadendo in tutto il settore metalmeccanico.»

«Il tentativo più volte reiterato all'incontro di ieri dal segretario Ferdinando Uliano è stato quello di chiudere attraverso un aut aut per il quale o si accetta il Ccsl oppure è impedita ai lavoratori la possibilità di poter eleggere delegati della Fiom. Ma la democrazia non è proprietà privata. Noi continueremo a lavorare, dopo l'incontro di ieri, per un confronto che ci porti alle elezioni libere in Fca e Cnh, per questo abbiamo formalmente proposto di tenere un nuovo incontro tra i segretari generali delle organizzazioni sindacali.»

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 11 novembre 2014

Twitter Fiom nazionale

Fiom-Cgil nazionale

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search