Mercoledì, 21 Agosto 2019

Wärtsilä. Verifica accordo di ristrutturazione luglio 2015

Wärtsilä

 

Lunedì 16 ottobre si è svolto l’incontro presso il mise tra Wärtsilä Italia il coordinamento nazionale di Fim Fiom Uilm.

L’incontro aveva lo scopo di fare un bilancio sull’accordo di ristrutturazione di luglio 2015. Quanti lavoratori fossero usciti, quali i progetti di ricerca e sviluppo messi in campo e quali fossero le prospettive industriali del sito triestino e delle basi.

L’azienda ha dichiarato che sono usciti da luglio 2015 ad oggi, su base volontaria, 69 lavoratori 40 operai e 20 impiegati.

Per quanto riguarda i progetti di ricerca e sviluppo è stato confermato il parziale recupero delle cabine di prova. in questo senso sono stati presentati 2 bandi per la ricerca e sviluppo sui motori 2 tempi per un valore progetto di 2,4 mln di euro e uno più consistente di circa 14 mln di euro per i motori 4 tempi.

Nella seconda parte dell’incontro l’azienda ha illustrato la situazione dei carichi di lavoro per i prossimi trimestri. E’ stato riferito di una leggera ripresa dei volumi di produzione sul marine solution, mentre sul power plant i carichi di lavoro sarebbero importanti fino al 2 Quarto 2018 con tutta una partita di ordini da confermare per i due quarti rimanenti.

L’azienda ha inoltre posto l’accento sulla necessità di una prosecuzione di progetti finalizzati al recupero dei costi energetici quale elemento di maggior competitività. in questo senso è stato sottolineato come il progetto one building abbia portato maggior efficienza per le linee produttive.

Infine sulla questione della cessione delle aree ad interporto, l'azienda ha dichiarato come il beneficio derivante dall’estensione dell’area di punto franco sulle aree cedute per le attività logistiche complementari del gruppo, rappresenti un elemento di rafforzamento della strategicità del sito all’interno della corporation.

La delegazione sindacale ha preso atto dei dati comunicati dall’azienda sulle uscite, i progetti di ricerca e sviluppo e sui carichi di lavoro. In questo senso, pur giudicando positivamente l’ottimismo espresso dall’azienda, sulle prospettive future dello stabilimento ha chiesto di valutare la possibilità di nuove assunzioni anche tra gli operai, necessità resa ancora più attuale considerato la volontà, dichiarata dall’azienda, di andare verso profili professionali con sempre maggiori competenze in linea con l’evoluzione industriale oggi in atto.

Il confronto si è concluso concordando la necessità di convocare a breve un coordinamento nazionale per fare il punto anche sull’andamento dell’accordo integrativo e sarà richiesto un incontro all’azienda da svolgersi a stretto giro di posta.

 

 

FIM FIOM UILM NAZIONALI

COORDINAMENTO RSU WÄRTSILÄ

 

Roma, 18 ottobre 2017

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search