Sabato, 04 Luglio 2020

Ardagh Group: lo scorporo non significhi cessione

LOGOFFU-180X120

 

Si è svolto, in data 4 settembre u.s., in Reggio Emilia, l’incontro tra la Direzione Aziendale di ArdaghGroup, Fim, Fiom, Uilm nazionali, territoriali e le RSU di Ardagh, per l’esame congiunto ai sensi dell’art.47 L.n. 428 del 29.12.1990.

La Direzione aziendale ha confermato l’intenzione e le motivazioni della Corporate di procedere allo scorporo delle attività “Metal” nella nuova società controllata “Oressa” per preparare a livello mondiale la “possibile” quotazione in Borsa; in Italia, il trasferimento del Ramo d’azienda, che interesserà 7 siti e 846 dipendenti, potrà avvenire con “conferimento” o “scissione” in favore della nuova società “Ardagh Metal Packaging Italy srl”.

Le organizzazioni sindacali hanno espresso perplessità e preoccupazione rispetto agli sviluppi dell’operazione che potrebbe anche prevedere una finalizzazione indirizzata ad una cessione di Ardagh Metal Packaging Italy srl ad altro soggetto industriale o fondo di investimento; a tal proposito le OO.SS. hanno richiesto di prevedere una immediata riconvocazione prima che vengano assunte le decisioni sugli assetti societari.

Infine, le organizzazioni sindacali hanno chiesto che il passaggio non comporti modifiche dei trattamenti economici e normativi attualmente in essere.

 

Fim, Fiom, Uilm nazionali

 

Roma, 10 settembre 2015

Attachments:
FileFile size
Download this file (15_09_10-Ardagh-FFU.pdf)Ardagh Group: lo scorporo non significhi cessione222 kB

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search