Giovedì, 21 Novembre 2019

Gruppo Marelli. Cresce la cassa integrazione in tutti i siti italiani. Richiesto alla direzione aziendale un incontro urgente. Il governo convochi rapidamente il tavolo sull'industria dell'auto.

Nei giorni scorsi sono state aperte nuove procedure di cassa integrazione nei siti Marelli a Bologna, Crevalcore, Venaria Reale Powertrain e Caivano. Si aggiungono a quelle già in atto a Corbetta e Venaria Reale Lighting. Sono confermati anche i Contratti di solidarietà attivati a Melfi e Rivalta. Questa crescente e diffusa riduzione del carico lavoro, oltre a determinare grande preoccupazione tra i quasi 9.000 lavoratori del gruppo, incide negativamente sul salario delle centinaia di addetti coinvolti aprendo forti interrogativi sul futuro del gruppo, in particolare dopo la cessione da parte di FCA e la conseguente fusione con Calsonic Kansei.

Al fine di verificare la reale situazione e la prospettiva complessiva dei carichi di lavoro nonché la strategia industriale per i siti italiani del gruppo, abbiamo inviato una richiesta di incontro urgente alla direzione aziendale.

Ci aspettiamo di ottenere i necessari chiarimenti in merito alla forte differenza tra la situazione prospettata nell'incontro di maggio e ciò che si sta verificando in questi giorni.

Tutto ciò anche in merito alla separazione delle attività legate al motore elettrico dal resto della divisione Powertrain, un'operazione che va chiarita a partire dagli interventi sull'organizzazione del lavoro nei siti di Bari e Bologna che stanno determinando grande preoccupazione tra i lavoratori.

Resta inoltre confermata la richiesta, già espressa in ogni occasione di incontro, di adottare un nuovo e più adeguato sistema di relazioni industriali e sindacali.

In questo quadro, anche alla luce di ciò che sta avvenendo nell'azienda più grande e innovativa nel settore della componentistica auto, riteniamo non più rinviabile l'avvio da parte del Governo di un confronto strutturale sulla situazione e sulla prospettiva complessiva dell'intera filiera produttiva dell'auto, una prospettiva decisiva per la tenuta del sistema industriale italiano e dell'intera economia del paese.

Fiom-Cgil Nazionale

Roma, 4 ottobre 2019

 

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search