Martedì, 12 Novembre 2019

Magneti Marelli. De Palma (FIOM), le garanzie per i lavoratori dovranno essere nel prossimo piano industriale e nelle nuove relazioni sindacali


“L’incontro di oggi, ancora una volta separato dai sindacati firmatari, della delegazione nazionale della Fiom con la delegazione aziendale composta dai responsabili delle relazioni industriali di FCA Pietro De Biase e il CEO di Magneti Marelli Ermanno Ferrari è stata utile a ricevere le informazioni che saranno rese ai lavoratori degli stabilimenti del gruppo con le assemblee che convocheremo nelle prossime ore.

L’azienda ha presentato l’operazione ed esposto gli elementi positivi che il “merger” tra Magneti Marelli e Calsonic Kansei offre alla nascente società che vedrà il battesimo a metà del 2019. Le sinergie tra i due gruppi consistono in almeno tre fattori: sono operanti in aree geografiche diverse, hanno diversi committenti e produzioni non sovrapponibili. Inoltre, l’accordo tra MM CK e FCA con scadenza nel 2022, garantirà il mantenimento dei livelli occupazionali dei lavoratori che transiteranno in MM CK.

Dei 10.166 lavoratori italiani, 186 in più degli occupati dell’anno precedente, circa 1300 degli stabilimenti della divisione stampaggio plastica e pedali rimarranno in FCA e non seguiranno il resto dei lavoratori.

La Fiom ha chiesto di intraprendere nuove relazioni sindacali che garantiscano maggiore informazione per i lavoratori, visto che l’incontro si è tenuto solo a chiusura dell’intesa e dopo l’incontro con i sindacati firmatari il Ccsl.

L’azienda a fronte di una richiesta di chiarimento sul futuro delle competenze e dei brevetti, ha chiarito che essi rimarranno in Magneti Marelli.

La Fiom ritiene che per i lavoratori l’accordo pluriennale di fornitura tra MM e FCA riguardante le forniture in costanza dello sviluppo del piano industriale dei nuovi prodotti è importante, ma è stato chiesto alla direzione nei tempi utili l’avvio di un confronto sul piano industriale con MM CK ma anche un incontro apposito con FCA per il futuro dei lavoratori che rimarranno come quelli dello stampaggio plastica.

Inoltre, la Fiom ha chiesto di continuare il confronto per tutti i lavoratori impiegati in attività di servizio come la sicurezza aziendale e le attività di service in generale.

La Fiom ha, infine, ribadito che il valore creato dalla ricerca e sviluppo, dalle produzioni dei lavoratori a tutti i livelli della Magneti Marelli avrebbe potuto garantire il rilancio del gruppo, la sua valorizzazione attraverso investimenti utili alla sua implementazione e internazionalizzazione, magari anche con il ruolo attivo del Governo attraverso politiche industriali e di investimento: un altro pezzo di manifattura (anche di ricerca sui nuovi propulsori, sulla guida autonoma) emigrano dall’Italia verso altri Paesi nonostante da tempo chiediamo un intervento che rilanci il sistema industriale”.

Lo dichiara in una nota Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive.

Ufficio stampa Fiom-Cgil

Roma, 29 ottobre 2017

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search