Mercoledì, 12 Maggio 2021

Myanmar. IndustriALL Global Union: Comitato esecutivo del 22 aprile 2021

Il 1 ° febbraio 2021, un colpo di stato della giunta militare del Myanmar ha arrestato i leader democraticamente eletti della Lega nazionale per la democrazia (NLD) Win Myint e Aung San Suu Kyi, poche ore prima della cerimonia di giuramento dei nuovi parlamentari e formazione di un nuovo gabinetto. L'esercito, noto come Tatmadaw, è subentrato dopo aver respinto i risultati delle elezioni del 13 novembre, sostenendo che erano fraudolente.

I militari hanno preso il controllo del paese, arrestato leader politici e risposto alle proteste che ne sono seguite con orribile violenza. Ha dichiarato la legge marziale il 14 marzo nelle aree intorno a Yangoon, la città più grande, il che significa che i manifestanti possono essere processati nei tribunali militari. I militari si rifiutano di rispettare la democrazia e di restituire il potere.

Con l'aumento dell'uso della violenza da parte dei militari nei confronti dei manifestanti pacifici, i sindacati in Myanmar ribadiscono l'urgente necessità di sanzioni economiche. I manifestanti vogliono che l'esercito ceda il potere e rilasci Aung San Suu Kyi, un leader politico civile e vincitore del premio Nobel per la pace. Almeno 235 persone sono state uccise e più di 2.330, tra cui alcuni giornalisti e dirigenti sindacali, sono state arrestate in violente repressioni da parte delle forze di sicurezza.

Oltre alla violenza, secondo il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, il Myanmar sta affrontando una grave crisi economica, con l'aumento dei prezzi di cibo e carburante a causa del colpo di stato.

IndustriALL Global Union ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna il colpo di stato dei militari in Myanmar e sostiene i diritti dei lavoratori, in particolare la libertà di associazione, il diritto alla manifestazione pacifica e la libertà di parola. Inoltre, sostiene l'appello dei cittadini del Myanmar per una campagna globale per "smettere di acquistare affari della giunta e invitare le aziende a usare la loro influenza per garantire il rilascio dei detenuti, ripristinare le istituzioni democratiche e garantire i diritti umani e dei lavoratori di tutto il Myanmar.

In un'altra dichiarazione, IndustriALL manifesta sostegno alla dichiarazione della Confederation of Trade Unions Myanmar (CTUM) secondo cui qualsiasi azione che mira a far deragliare l'esito delle elezioni o impedire la transizione democratica del Myanmar deve essere respinta. I militari devono accettare di buon grado la scelta libera e democratica del popolo e rispettare le norme internazionali sui diritti umani. Win Myint, Aung San Suu Kyi e altri attivisti politici dovrebbero essere rilasciati, incondizionatamente e immediatamente.

IndustriALL Global Union

CONDANNA il colpo di stato militare in Myanmar e la detenzione arbitraria dei leader del partito Lega nazionale per la democrazia (NLD), tra cui il consigliere di stato Aung San Suu Kyi e il presidente U Win Mynt, insieme a ministri di gabinetto e altri attivisti nel tentativo di calpestarli le aspirazioni del popolo birmano per la democrazia e per screditare i risultati delle elezioni del novembre dello scorso anno;

CONDANNA INOLTRE la continua violenza spietata e brutalità nella repressione del pacifico movimento di disobbedienza civile in Myanmar. L'uso sfrenato della violenza e delle armi letali da parte delle forze armate del Myanmar ha provocato spargimenti di sangue, poiché più di 200 persone sono state uccise è stato riportato dai principali giornali di Yangon;

TEME che la maggior parte dei membri del Comitato centrale e dei leader della federazione della Confederazione dei sindacati del Myanmar (CTUM) siano stati messi sotto accusa; che sedici organizzazioni sindacali sono state dichiarate illegali dal regime militare; che dipendenti pubblici e lavoratori sono stati licenziati o costretti a tornare al lavoro; e che i leader sindacali e sindacali sono costretti a nascondersi a causa della caccia porta a porta da parte dei militari;

CHIEDE al regime militare del Myanmar di ritirare tutte le accuse contro i leader politici, gli attivisti, i manifestanti e i leader sindacali; rilascia immediatamente tutti i detenuti durante il colpo di stato; restituire il potere politico al governo civile; smettere di usare armi letali e violenza contro i manifestanti; rispettare i diritti dei lavoratori e dei dipendenti pubblici di associarsi liberamente e di scioperare; e difendere lo status legale delle 16 organizzazioni sindacali che sono state recentemente ritenute illegali;

CHIEDE INOLTRE che tutte le società che operano o investono in Myanmar di porre fine ai loro rapporti commerciali con l'esercito del Myanmar, che proteggano i diritti dei loro dipendenti lungo tutta la catena di approvvigionamento in Myanmar e che utilizzino la loro influenza per chiedere il rilascio dei diritti umani e democrazia in Myanmar;

INVITA a dare pieno sostegno e solidarietà al CTUM e al movimento sindacale del Myanmar, nonché ai lavoratori e al popolo del Myanmar nella loro lotta per reclamare la pace, la giustizia e la democrazia;

ULTERIORI APPELLI a tutti gli affiliati di IndustriALL Global Union affinché esercitino pressioni sui loro governi nazionali affinché chiedano alle forze armate del Myanmar di rilasciare immediatamente tutti i detenuti sotto il colpo di stato, restituire il potere politico al governo civile, fermare la violenta repressione delle proteste pacifiche, rispettare i fondamentali diritti delle persone, compreso il diritto di sciopero, libertà di espressione e riunione e diritto di scegliere liberamente il proprio governo; e per contribuire con aiuti finanziari e umanitari per i lavoratori che non hanno reddito, per i leader sindacali che si nascondono e vivono lontano dalle loro famiglie, supporto legale per i manifestanti e altra assistenza appropriata per il movimento di disobbedienza civile.

CHIEDE a tutti gli affiliati di IndustriALL Global Union di esercitare pressioni sui loro governi nazionali affinché chiedano sanzioni economiche globali, in particolare nei settori del petrolio e del gas e delle assicurazioni, e l'accesso ai sistemi finanziari, nonché a emanare sanzioni mirate contro i leader militari e i conglomerati militari , MEC e MEHL e l'ente statale di gas e iol, MOGE, e CHIEDE ai Governi di riconoscere il nuovo Governo di unità nazionale.

 

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search